martedì 12 giugno 2012

Guarire Ernia inguinale

Mio padre diceva sempre “a un uomo che ha fame, non devi regalargli il pesce, devi insegnargli a pescare”.

Questa è la meccanica
che cerco di mettere in pratica
Non ti chiudo l’ernia, ma ti insegno a chiuderla, perché se tu impari, chiudi quella che hai adesso e quella che può arrivare in futuro, a te e a tutti quelli che conosci.
Non ti vendo un paio di occhiali, ma ti insegno a toglierti la miopia e l’astigmatismo, per fare in modo che mandi via il problema di oggi, e anche quello che può arrivare in futuro, a te e a tutti quelli che conosci.
Non ti do un digestivo, ma ti insegno a non avere problemi digestivi. Non ti do un energizzante, ma ti insegno a trovare energia a montagne, con un metodo semplice e gratuito, che puoi insegnare agli altri.

Senza una laurea, senza istruzione, senza soldi. Basta avere un po’ di umanità per cambiare il mondo.




Dopo un anno di tempo, le cose sono cambiate, il metodo si è evoluto con l’esperienza degli utilizzatori, che hanno arricchito e perfezionato il tutto.


Il sistema delle fasce
Serve a contenere l’ernia dentro gli intestini. Per dare alla zona pelvica il tempo per rinforzarsi e chiudere attraverso il quale si sviluppa l’ernia.
Nel libro trovi spiegati 10 sistemi diversi che sono stati sviluppati per chiudere i diversi tipi di ernia. Che siano inguinali o scrotali, che fuoriescano lateralmente, vicino al pene o direttamente sopra il pene, nel libro, troverai un sistema adatto a contenere alla tua ernia.
Il tempo di chiusura varia da 1 mese nei soggetti di 25 anni con ernia inguinale di 4 cm di diametro e non tanto vecchie a 5 mesi per i soggetti sopra i 60 anni.
Dopo che l’ernia si è chiusa e rimane dentro per mezza giornata si può agire direttamente con l’esercizio “Standing Elbow Crunch” senza l’utilizzo delle fasce. E’ necessario fare attenzione al fatto che l’ernia deve sempre continuare a regredire, se le condizioni peggiorano, bisogna ritornare alle fasce. Mentre si continua a rinforzare il corpo con gli esercizi.

Le fasce si trovano nei negozi di sport, io ho usato quelle in cotone che usano i pugili sotto i guantoni, ma si trovano in merceria. L'importante è che siano di 4 cm di spessore per 4,5 metri di lunghezza in cotoni rigido o semielastico.

Esercizi per chiudere l'ernia inguinale e scrotale
Questi esercizi son la forma migliore per chiudere l'ernia ingunale. Se l'ernia è piccola può rientrare solo facendo gli esercizi, se è grande sono necessarie le fasce e gli esercizi. I primi miglioramenti si vedono già dopo 10 giorni.
Questi esercizi possono farsi con o senza fasce. Sono particolarmente efficaci quando si toglie le fasce, perché permettono di tenere sotto controllo l’ernia in caso di fuoriuscita.





Il libro "Come ho guarito la mia ernia inguinale"

Nel libro trovi gli esercizi da fare e tutti i sistemi di fasce spiegati passo a passo con i disegni e le foto che fanno vedere tutti i passaggi di ogni sistema.
Trovi anche i sistemi per l'ernia scrotale e il modo in cui devi comportarti durante i 3 mesi della chiusura dell'ernia.
Una pagina dedicata alle posizioni che puoi fare a letto, specificando quelle che puoi fare con le fasce e quelle che puoi fare senza.
In più trovi i sistemi da indossare sotto il costume da bagno o durante i grandi sforzi.


Hai un principio di ernia inguinale?
Prima di comperare il libro fai una prova 

  • Fai gli Standing Elbow crunch (7 alzate per ogni gamba) 3 volte al giorno.
  • Sdraiati sospeso, 3 minuti. Una o due volte al giorno.
  • Comincia a stare senza appoggiare il tallone per 10 minuti al giorno.

Dopo 3 giorni dovresti vedere che la tua ernia comincia a regredire. Fa più difficoltà a uscire, esce meno spesso, fa meno male. Cioè vedi le cose migliorare.
Tante persone, arrivate qui dopo aver scoperto di avere solo "una punta di ernia inguinale" sono riusciti a risolvere il problema con gli esercizi, le fasce sono indispensabili per le ernie che stanno spesso fuori e che devono essere contenute.
Con l'ernia che entra ed esce continuamente è difficile chiuderla (perché il canale rimane sempre aperto) ma ti fa capire quanto non sia efficace il sistema.


Personalizzazione delle fasce
Le personalizzazioni che hanno fatto dei sistemi per contenere le proprie ernie, soprattutto quelle complicate hanno dato luogo alla creazione di tanti sistemi. E’ per questo motivo che sono stati creati i sistemi femminili e quelli per ernie bilaterali e scrotali.
La cosa importante è contenere l'ernia dentro gli intestini, per evitare dolori inutili e il rischio di strozzatura.

Ti faccio questo chiarimento, anche se presente nel libro. Si dorme e si fa la doccia senza fasce. Tutto il resto si fa con le fasce: correre, suonare il sassofono, urlare, cantare e soprattutto il sesso (tranne le posizioni indicate nella pagina specifica).


Ernie di 1 cm
Le ernie di 1 cm, che rimangono di tale dimensione sono quelle più difficili da trattare e da contenere con le fasce. Gli utenti dicono che il dolore va via con l’utilizzo delle fasce, ma capire che sono rientrate o scomparse è molto più difficile.


 Gustavo Guglielmotti

gustavo.guglielmotti@gmail.com

Per qualsiasi dubbio che riguarda l'idoneità per contenere l'ernia consultare un medico non mi assumo nessuna responsabilità su eventuali danni provocati da vostre decisioni in merito.
SiteBooK visite gratis

119 commenti:

  1. Stavo cercando il metodo in punta di piedi ma non vedo la pagina.
    Qualcuno mi aiuta?
    Mauro

    RispondiElimina
  2. Ciao Mauro, ancora non c'è, stiamo affinando adesso tutte le cose da fare. Comunque se vuoi cominciare si tratta di vivere senza appoggiare il talloni per terra. Devi sfiorare solo il pavimento con i talloni appoggiandoti solo sulla parte davanti del piede. Non proprio in punta. Sulla metà che non è quella posteriore.

    I risultati si vedono immediatamente.

    Gustavo

    RispondiElimina
  3. Caio a tutti, ho pubblicato la pagina che racconta la mia esperienza degli ultimi 2 mesi. Quella che parla del fatto di stare in punta di piedi.

    http://guarireernia.blogspot.it/p/in-punta-di-piedi.html

    Per l'ernia è ovviamente molto utile.

    RispondiElimina
  4. Allucinante, incredibile, impossibile. Io soffro di lombalgia da quando ho 20 anni Gus. la chiamano la maledizione della mia famiglia. Soffriamo tutti quanti, non c'è mai stato uno che si è salvato. Da quando ho iniziato con questo è completamente scomparso tutto.

    Volevo comperare il libro, ma non l'ho trovato. Non ci sarà un libro? Ti sei stufato di scrivere? Ti chiedo solo un favore.

    Appena lo scrivi, prima di pubblicarlo, voglio che mi avverti. La prima copia la voglio io. Voglio che me lo dedichi. Voglio la dedica nella prima pagina e voglio la firma tua.

    Dedicato a G. F. Castignani. O scrivi quello che vuoi, e firmalo. Me lo fai questo piacere. So che è una stronzata, ma la prima copia, voglio che sia per me.

    Giovanni

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Giovanni. Sei gentilissimo nella tua richiesta. Se scrivo il libro avrai quella copia che vuoi. Dico se non per mancanza di voglia ma perché oltre a quello pubblicato non c'è tanto altro da scrivere.

      Gustavo

      Elimina
  5. Non adesso Gus, ma so che la notizia divampa come un incendio, ci sono già tantissime persone che cominciano a camminare in quel modo.

    Fabio

    RispondiElimina
  6. Dici? Io conosco solo 25 circa. Allora il libro lo scriverò con l'esperienza di tutti. E' solo questione di tempo. Come quello della miopia, che all'inizio era solo un esercizio e poi è diventato un completo sistema di esercizi combinati e pratiche rilassanti.

    Gustavo

    RispondiElimina
  7. Salve, racconto in breve il mio problema : per più di 3-4 anni ho creduto di avere un idrocele al testicolo sinistro, senza mai avere grandi dolori, appariva solo in estate, e mai avuto nessun problema durante le altre stagioni. Ho scoperto recentemente che si tratta di ernia inguino scrotale sinistra "con incuneazione di piccola ansa intestinale nel suo contesto" Riesco a vederla alla base del testicolo sinistro solo durante una giornata di sforzi o lunghe camminate. Ripeto di non aver mai avuto dolori insopportabili o robe simili, il metodo delle fasce potrebbe ancora essermi utile o l'unica speranza è l'intervento ?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Questo metodo fa rientrare ernie di 15 cm di diametro. Figurati la tua quasi invisibile.

      Perché non provi ciò che trovi nella pagina "in punta di piedi". Potrebbe essere risolutivo quello (io credo che lo sia).
      Fabrizio

      Elimina
    2. Okay ho dimenticato di dire d'avere 20 anni (a quanto ho capito influenza positivamente) e purtroppo quasi invisibile non direi considerando che durante la giornata la vedo spesso ed è come avere un terzo testicolo per me, se non addirittura più grande..

      Elimina
    3. Comunque comincia immediatamente e non solo rientrerà l'ernia, in più conoscerai quanto può diventare perfetto il tuo corpo. Parlo del fatto di smettere di appoggiare i talloni.
      Gustavo

      Elimina
    4. Gustavo è possibile continuare a praticare bodybuilding nel periodo in cui utilizzo le fasce ?

      Elimina
    5. Questa è complicata da rispondere. Il fatto è questo. Puoi farlo, ma il discorso complicato è che il sistema che io propongo triplica la forza riducendo la massa. Quindi andare in punta di piedi ti aiuta a diminuire la massa muscolare triplicando la forza.
      Comunque lo puoi fare, non so dirti i risultati per il tuo fisico. Indossando le fasce puoi fare quello che vuoi, come se l'ernia non ci fosse.

      Gustavo

      Elimina
  8. Ciao gustavo. Luca, 39 anni, mi alleno in palestra. Proprio stamani mi sono accorto di avere un leggero rigonfiamento sulla zona alta dell'inguine sinistro ed ho subito pensato ad una ernia. Girando su internet cosa poter fare sono finito su questo blog che forse potrebbe essere una manna dal cielo per riparare al danno senza intervento chirurgico. Io vado regolarmente tre volte a settimana in palestra ma mi sa che il tutto è stato causato da uno starnuto improvviso, proprio nel mentre infatti ho sentito un fastidio proprio in quella zona, ho puntato lo sguardo ed..WOW! e questo cos'è?
    Ma mi chiedo, come effetturare il bendaggio, cioè i passaggi?
    Grazie per condividere le tue conoscenze con noi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Luca. Due cose, l'ernia non è un incidente, ma causa di una debolezza interna. Devi rinforzare il tuo corpo. Vai alla pagina "in punta di piedi", quello è il modo per rinforzare il corpo. Se la tua ernia non rientra e si chiude con questo puoi utilizzare le fasce, per un paio di mesi.

      Comunque dovrebbe chiudersi nello stesso tempo, con o senza fasce. Le fasce ti danno qualche sicurezza in più di poter esercitarti senza che l'ernia sia lì a darti fastidio.

      Gustavo

      Elimina
  9. Grazie per la risposta!
    Tanto per tagliare la testa al toro, stamani ho comprato le fasce (appunto quelle dei boxers) ed ho iniziato con una fasciatura 'guercio', dato che mi interessa solo la parte sx dell'inguine; tenuta dalle 11:00 fino alle 14:13 giù di li, le ho tolte perchè mi sono sdraiato un pò nel letto, adesso non le indosso e nonostante la posizione in piedi non vedo il rigonfiamento. Le rimetterò tra un paio di ore perchè in questo momento sto seduto. L'esercizio del ponte va fatto solamente la mattina? Per quanto riguarda gli addominali farò l'esercizio Standing Elbow in palestra, due volte a settimana. A proposito, come istruttore di fitness voglio sfatare un mito che fare addominali tutti i giorni è meglio, non è vero. L'addome è un muscolo come gli altri e deve recuperare, potrebbe essere il motivo per il quale alcune persone facendo addominali non hanno miglioramenti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Va bene, comunque le fasce non creano dipendenza e visto che sei istruttore di fitness ti invito a sfatare un altro mito, appoggiare i talloni per terra. Prova a stare 10 giorni senza appoggiarli e vedrai cosa significa diventare un "negro" (nel buona senso della parola).

      Gustavo

      Elimina
    2. Sicuramente non puoi stare tutto il giorno sui talloni per ovvii motivi, perchè è anche una posizione innaturale per noi bipedi, comunque il lavoro sugli avampiedi in effetti dà molti benefici, innanzitutto ti vengono fuori due caviglie come il legno, il muscolo gemello lavora molto di più e ti aiuta anche per trovare l'equilibrio durante il movimento.
      Comunque sono stato dallo specialista, raccontandogli questo sistema delle fasce. Lui ne ha sentito parlare ma la mia ernia è 'subdola' quindi mi ha detto di non utilizzarle assolutamente perchè potrebbero farla strozzare! Il sistema delle fasce può essere utile per chi ha già l'ernia un pò fuori così come è successo a te ma nel mio caso è meglio evitare assolutamente, anzi sarebbe meglio farla venire ancora un pò fuori.

      Elimina
    3. Questo è falso. la maggior parte delle ernie (le mie comprese) sono così. Entrano escono, sono impossibili da controllare. Io sono letteralmente impazzito per 2 anni, ricordo che mi mettevo qualsiasi cosa per contenerle: cinte, spessori, cuscinetti.
      Farla venire un po' fuori per cosa? Per operarla immagino.

      Va be' fa come credi, io posso dire come ho fatto con le mie, ognuno poi è libero.
      Comunque ti dico che dopo aver venduto più di 3000 libri, non c'è stato mai un caso di ernia strozzata. Mai uno per colpa delle fasce.

      Una ragazza che sta in inghilterra non riusciva a far rientrare la sua di 9 cm e invece di usare le fasce si è operata. Ma per colpa delle fasce che qualcuna si sia strozzata è solo una cazzata inventata in mala fede.

      Gustavo

      Elimina
  10. Dopo 8 giorni di fasce la situazione sembra già leggermente migliorata, volevo però chiedere alla community se stringere sull'area scrotale con le fasce possa in qualche modo a lungo termine provocare danni ai nervi connettori dei testicoli. Ovviamente non stringo abbastanza da far "soffocare" i testicoli, ma quanto basta per contenere l'ernia scrotale, e mi chiedevo se le 8 ore di sonno (le uniche in cui non utilizzo le fasce) bastino a far "prendere aria" ai nervi che in qualche modo vengo stretti dall'uso delle fasce. Gentilmente correggetemi se il mio modo di pensare/preoccupazione è sbagliato, non sono un esperto e questa è un'idea che mi è balzata appunto per caso. Ricordo che l'ernia che sto contenendo è scrotale ed è visibile per almeno 6 centimetri senza utilizzare le fasce e dopo una giornata di sforzi

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao, dal mio punto di vista stai contenendo in modo sbagliato. Non devi stringere prendendo i testicoli ma devi individuare il punto esatto dove la ernia esce. Di solito non è sui testicoli. Sui testicoli dovresti vederla ma il punto di uscita è sempre diverso.

      Hai provato a sdraiarti sospeso e gli esercizi in punta di piedi?

      Elimina
  11. Gus, l'ernia ancora si fa vedere ogni tanto ma la mando dentro tirando un muscolo, quello che è stato allenato con l'esercizio sdraiarsi sospesi e gli elbow.
    Ti scrivo solo per dirti che il discorso dei talloni è una delle scoperte più importanti degli ultimi 100 anni.
    A 52 anni mi sento rinato. Non scordarti di pubblicare ciò che stai scoprendo, non oso immaginarlo nemmeno. Io sono solo 30 giorni che ho smesso di appoggiarlo e non faccio che scoprire meraviglie.

    Franco

    RispondiElimina
  12. Scusate, ma dove si acquista la fascia, sul sito vedo tutto sull'acquisto del libro ma nulla sulla fascia. Su google ho trovato più che altro pancere o simili, per lo più adatte al contenimento post operatorio. P.S. spero che sia veramente efficace, non vorrei si trattasse dell'ennesima bufala, compresi i commenti, (potrebbe averli scritti l'autore del libro pur di farsi pubblicità), ma voglio essere ottimista, quindi se potete datemi le indicazioni per l'acquisto e domani stesso la compro. Grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Le fasce si acquistano dentro i negozi di sport, sono quelle che i pugili mettono sotto i guantoni. La cosa importante è che siano più di 4 metri di lunghezza.

      Gustavo

      Elimina
    2. Grazie mille, e scusa per il dubbio!!!


      Alessio

      Elimina
    3. Ma di cosa? Grazie a te, purtroppo non sono riuscito a farmi fabbricare delle fasce a posta.

      Gustavo

      Elimina
  13. Salve mi chiamo Luciano ho 38 anni faccio il metalmeccanico e lavoro la carpnteria pesante al cantiere navale di Palermo sono uno sportivo e faccio cultura fisica amatoriale da circa venti anni , nel mese di Aprile 2013 mi è uscita l'ernia dx in una settimana ho deciso di operarmi , il chirurgo ha detto che è andato tutto bene , all'atto delle dimissioni sono svenuto due volte , sono stato 3 giorni al letto un mese a casa due mesi fuori dal lavoro e tre mesi prima di mettere piede in palestra , so che i tempi di ripresa sono individuali ma so confrontandomi con i miei colleghi che non si discostano di molto dai miei , naturalmente anche perché sono uno sportivo e non una persona sedentaria quindi dal mio fisico ho sempre sfruttato ed avuto il massimo dell'efficienza , nel primo mese dopo l'intervento ho perso 5 kg di massa muscolare .
    Ho acquistato e letto il libro che consiglio a tutti , forse il libro e più accessibile agli sportivi , ma gli esercizi sembrano buoni e alla portata di tutti il sistema delle fasce si può molto personalizzare , quindi vi rimando a leggere fra 7/15 giorni dal mio utilizzo dei consigli , vedrò e farò un'analisi di ciò che di buono ho appreso ed eventualmente i risultati positivi che ne derivano , io sono un uomo molto razionale , ma tutti i dati mi fanno pensare che qualcosa di buono ne viene fuori e se ne viene sarò il primo a spiegare i benfici , alla prossima Luciano .

    RispondiElimina
  14. Salve a tutti premetto che sono già stato operato di ernia inguinale dx , svolgo un lavoro molto faticoso con sforzi fisici e faccio sport con i pesi .
    Ho da qualche tempo un fastidio nel sx , naturalmente affronto il lavoro la vita e lo sport con nuovi accorgimenti , e siccome voglio continuare la vita che faccio e non voglio operarmi ho acquistato il libro .
    Io sono un uomo molto razionale e imparziale , devo dire che il libro vale i soldi che investite , non è nulla di magico e nulla di incomprensibile .
    Io l'ho acquistato da poco e da poco faccio gli esercizi , e non vi sto dicendo che come per magia si è tutto risolto , ma i consigli del libro li ho confrontate con altre ricerche è sono matematicamente giusti .
    Mi spiego meglio gli esercizi che voi siate sportivi o no , sono utili e fanno bene poi i risultati sono purtroppo variabili , io sono convinto che ne vale la pena , e continuando a fare sollevamento pesi e lavorare al cantiere navale con le dovute accortezze voglio vedere se riesco ad avere profitti , io sono convinto di si .
    Anche perché pur essendo sportivo quei esercizi io li trascuravo e so perché mi uscita l'ernia , metterò in pratica tutti i consigli di Gustavo e vedrò come immagino
    di poter fare più cose di quelle che faccio adesso .

    RispondiElimina
  15. Luciano da Palermo16 novembre 2013 18:29

    Provo da qualche giorno gli esercizi con meticolosa cura come spiegati elementarmente nel libro e da sportivo devo ammettere che si sentono i muscoli lavorare solo con le tensioni e non con le contrazioni , essendo un ex culturista ma ancora oggi mi alleno ma per tenermi informa so la differenza , con gli esercizi del libro si allenano le fasce muscolari senza sottoporre la parte interessata a contrazioni dei muscoli che noi con rischio di ernia non dobbiamo fare , io ne faccio 20/30 minuti al mattino e altri al pomeriggio i benefici fisici li sto avendo , migliorano molto la postura e senti la zona interessata più forte , vi farò sapere eventuali risvolti positivi che spero e penso arrivino .

    RispondiElimina
  16. Ciao Gus, scusa se non i sono fatto vivo prima, ma i casini sembrano moltiplicarsi. Ho smesso di usare le fasce il mese scorso. L'ernia continuava a uscire ogni tanto, ma non ho rimesso le fasce, più usciva l'ernia e più facevo gli Elbow. Sto in punta di piedi da due mesi e mi rendo conto che il mio corpo funziona sempre meglio.

    Ci sono dei giorni che sento il fastidio, con qualche piccolo rigonfiamento ma i bassi addominali miei sono fortissimi e quando esce l'ernia la rimando dentro tensionando.

    So che si tratta di questione di tempo, oramai l'ho vinta, anche se una volta ogni 10 giorni viene fuori un fastidio, oramai è tutto sotto controllo.

    In più dell'ernia ho risolto il dolore all'osso sacro che era un mio fedele compagno. Problemi digestivi e di stanchezza, come avevi preannunciato.

    Ti sono debitore, ti mando un abbraccio e ti ringrazio infinitamente per tutto, mi hai cambiato la vita.

    Alessandro, Lugano

    RispondiElimina
  17. ciao guglielmo ho appena acquistato il tuo libro dal tuo sito, tutto correttamente eseguito, volevo chiederti, io ho un dolore inguinale destro, qualche volta fino al testicolo, ma non appare nessuna protrusione erniale, gli addominali sono molto forti, ma i sintomi dicono che sia un ernia, volevo chiederti, sul tuo libro parli di guercio sinistro e io penso sia quella la mia chiusura con le fasce, la faccio sulla destra è corretto o il guercio è solo per l ernia sinistra? grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ovviamente si può fare anche sulla destra, io non ci ho mai pensato a farlo perché ho chiuso la sinistra.

      Comunque se l'ernia non viene fuori puoi fare direttamente gli esercizi per vedere se il dolore va via, potrebbe essere sufficiente fare gli elbow e gli esercizi che vedi nella pagina "in punta di piedi".

      Gustavo.

      Elimina
  18. Voglio raccontare la mia esperienza con una ernia inguinale destra che mi ha tormentato per oltre un anno ( premetto che ho 56 anni ):
    Gennaio – Febbraio 2013: provo a portare le fasce ( metodo il guercio ) tutto il giorno tranne la notte.
    Subito grande sollievo anche se l’ ernia si fa ogni tanto vedere e sentire

    Marzo – Aprile 2013: l’ ernia si fa vedere e sentire solo raramente

    Maggio – Giugno 2013: l’ ernia è completamente scomparsa! Per sicurezza continuo a portare le fasce

    Luglio – Agosto 2013: Continuo a portare le fasce, anche se qualche volta le dimentico, dell’ ernia non c’ è più traccia!

    Settembre – Ottobre – Novembre 2013: L’ ernia è ormai solo un ricordo! Qualche volta, se prevedo una giornata particolarmente impegnativa, metto ancora le fasce ma sinceramente non so più se per paura, affetto o per scaramanzia!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Anonimo, perché non aggiunti sdraiarti sospeso e camminare in punta di piedi? Grazie delle tue parole, è meraviglioso vederle.

      Gustavo

      Elimina
  19. Ciao grande, oggi è un mese che pratico il tuo metodo e l'ernia inguinale dx è un ricordo. Niente bruciore, gonfiore e ho la sensazione che il buco si stia chiudendo. E pensare che il chirurgo voleva operarmi subito! Con le fasce faccio tutto, mi danno sicurezza e voglio usarle per almeno un altro mese. Pratico elbow, ponte e sospeso 3 volte al dì e ho imparato ha muovermi in punta di piedi. E' fantastico! Un abbraccio Gus.
    MARIO

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non so come ringraziarti per questo parole, mi hai rallegrato la serata. Quanto mi fa piacere vedere che la gente si ricorda di fare queste cose.

      Un abbraccio e ti ringrazio ancora.

      Elimina
  20. Buongiorno,
    Sono Massimo da Bologna, 7 anni fà mi operai di ernia epigastrica e dopo due mesi di inferno ho avuto una recidiva. Non mi hanno messo la rete ma solo dei punti...Ho iniziato con la palestra a giugno e costantemente pratico le addominali ipopressive! da due settimane ho comprato le fascie da box e mi lego l'ernia (che rimane dentro) all'altezza delle costole...la fascia mi avvolge la parte inferiore delle costole e i lombari dietro (per fortuna sviluppati). Ho notato un grosso miglioramento perchè l'ernia non esce più come prima ma fà fatica a uscire come se ci fosse attrito con la porta erniaria. Portarer la fascia è faticoso ma voglio resistere e provare comunque!!!! Stò integrando anche con pastiglie di centella asiatica per favorire la cicatrizzazione! secondo me dovrei riuscire a chiuderla! Ti posso chiedere Gustavo se consigli di fare palestra (Body building ) o aspettare in questo periodo! Grazie mille...le fascie mi stanno facendo un pò innervosire ma voglio tenere botta!!! Ciao

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Massimo da Bologna. Sono contento dei tuoi miglioramenti ma la scuola la stai facendo tu. Non so niente di ernie epigastriche. Sinceramente pensavo che portare una panciera di quello che usano le donne dopo parto era la cosa migliore (è quello che dicono quelli che hanno ernia ombelicale.

      Del discorso palestra, non so che dire. Il discorso addominali io lo toglierei a prescindere ma sono ignorante a riguardo.

      Elimina
    2. Ciao Gustavo,

      Grazie mille per la risposta! la mia è un ernia della linea alba praticamente in mezzo alle addominali. La panciera la uso quando faccio sforzi intensi in palestra ma non arriva a contenermi l'ernia come fà la fascia. Con la panciera l'ernia esce un pò in mezzo alle addominali ma con la fascia no perchè il nodo che faccio è proprio sopra il buco e me la tiene dentro! Comunque ho tratto grande beneficio dalle iporpressive e stranamente (visto che dovrebbero far lavorare molto gli addominali bassi) dalle standing crunc (addominali che consigli...quelle da in piedi). Vado avanti tutti i giorni con ipopressive mattina e sera e standing in palestra 3 volte la settimana!! Ti terrò aggiornato....ciao Massimo

      Elimina
    3. Luciano da Palermo06 dicembre 2013 19:11

      Ciao Massimo anch'io pratico il body building però io ho un'ernia inguinale , solo tu conosci bene il tuo corpo e se sei sportivo da diversi anni come me sai bene che per ora devi evitare gli esercizi che mettono sottopressione la zona dove hai l'ernia che vuole uscire , riduci i pesi ed aumento le ripetizioni , fai attenzione , non fare l'errore mio che poi mi sono dovuto operare ma adesso non voglio far uscire l'altra , ragiona e rifletti su tutti gli errori di postura che si commettono in palestra e facendo cultura fisica , se vuoi ci aggiorniamo ciao .
      Luciano da Palermo

      Elimina
    4. Ciao Luciano,
      In effetti stò molto attento e oltre la fascia uso anche una panciera di contenimento. Evito stacchi, squat e addominali classici. Pensa che prima dell'intervento avevo delle addominali perfette ero riuscito in estate a raggiungere 8% di grasso e l'ernia primitiva non si notava molto. La recidiva invece è orribile, in mezzo alla pancia come un palloncino. Al mare mi vergogno e mi crea un forte disagio psicologico ance se asintomatica. Ho pensato di tornare a operarmi ma visto le cose in italia come funzionano preferisco provare con le fasce. Quando ti visitano per l'intervento parli con un chirurgo esperto e invece quando ti operi le mani dentro te le mette una mezza infermiera che deve fare pratica. Comunque vedremo, per ora continuo nel mio tentativo........
      Massimo

      Elimina
    5. Ciao Massimo, ti ringrazio per aver condiviso la tua esperienza. Purtroppo arrivano sempre più persone con ernie addominali e non c'è nessuno che sa cosa rispondere.

      Un abbraccio, Gustavo

      Elimina
    6. Luciano da Palermo09 dicembre 2013 18:51

      Ciao Massimo ho capito che ami il nostro sport e che non sei un principiante , ti dico una cosa non mollare , se sei uno sportivo come me sai che è una regola fissa .
      Nello sport sono normali periodi di stop sono possibili , ma non fermarti ma nello stesso tempo non farti male , continua a cercare , gli esercizi che hai menzionato e che al momento non fai è saggio da parte tua .
      Dovresti conoscere uno sportivo che ha il tuo stesso problema o simile , io grazie hai consiglio di Gustavo ho capito quali errori ho fatto , perché mi è uscita l'ernia e cosa devo fare per non farla ritornare e come prevenirla , sono ancora all'inizio voglio fare una valutazione più razionale nell'arco dei tre mesi , ma devo dire che sembra che promette bene , ti auguro in bocca al lupo e facci sapere .

      Elimina
  21. Luciano da Palermo04 dicembre 2013 15:17

    Ciao sono Luciano da un pò di tempo eseguo gli esercizi consigliati da Gustavo e uso saltuariamente le fasce , devo dire che ho dei miglioramenti che a breve spiegherò quali e il come e il perché li ho raggiunti .

    RispondiElimina
  22. Grazie per il libro della barba Gus... non hai idea quale regalo enorme tu mi abbia fatto!!!!!

    Paolo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma non è un regalo! E' parte della promozione. Non hai visto il banner a destra?

      Gustavo

      Elimina
  23. Volevo sapere se qualcuno ha notato sollievo per le emorroidi. Non so se è una coincidenza ma da quando sto in punta di piedi hanno smesso di infastidirmi (io avevo quelle interne).

    Teo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io ho risolto quelle interne. Una settimana dopo aver smesso di appoggiare i talloni.
      Per quelle esterne no, ma per quelle interne mi hanno chiamato già 4 persone per dirmi la stessa cosa. 3 erano anche stitiche.

      Gustavo

      Elimina
  24. E' da qualche settimana che ho scoperto questo blog e solo oggi trovo il coraggio di chiedere alcune informazioni per me molto importanti. Sono reduce da un problema cardiologico e recentemente ho scoperto di avere un'ernia inguinale al primo stadio. Questa serie di eventi mi ha causato una forte depressione. Secondo il parere medico non si potrà pensare all'ernia fino al ristabilimento completo. Sono sempre stato una persona attiva e ora mi sento completamente bloccato. Ho avuto una speranza di guarigione dall'ernia leggendo i vari commenti pubblicati è ho letto che molti erano in attesa di ricevere conferma medica della definitiva risoluzione del problema ernia. Chiedo cortesemente a chi già ha avuto tale riscontro medico di pubblicare la conferma di tali risultati in modo di dare maggiore fiducia a quelli come me. Grazie di cuore

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Rob,
      Qual'è il problema cardiologico da cui sei reduce?
      Io credo che il medico abbia completamente ragione. Una grandissima quantità di ernie arrivano come conseguenza di un interventi chirurgico (parole del mio medico).
      Lui dà la colpa alla debolezza creata dall'anestesia.

      In ogni caso, questo metodo si basa sulla contenzione dell'ernia e la riattivazione della circolazione, il potenziamento del funzionamento degli organi interni, i polmoni e il cuore.

      Se tu hai problemi di cuore, non è una cosa consigliabile questo metodo.

      Gustavo

      Elimina
  25. Ciao Gustavo,
    fortunatamente il mio problema cardiologico non ha richiesto intervento con anestesia. Ma ora si prevede un periodo di attenzione e di cura farmacologica. Questo unito alla recente punta di ernia mi ha mandato in profonda depressione. Per questo motivo, con la speranza di evitare ulteriore stress per il probabile intervento all'ernia, ed avendo letto molte dichiarazioni di soluzione al problema, mi sono permesso di chiedere se tali guarigioni fossero definitive e confermate anche da visite ed accertamenti medici. Spero tanto di ricevere conferme. Grazie.
    Essendomi consentita attività aerobica ti chiedo gentilmente di indicarmi quali siano gli esercizi indicati per me.
    Saluti

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Gli accertamenti medici sono questi: quando ti prescrivono l'ernia ti dicono che l'unico modo di chiuderla è l'intervento chirurgico. Quando torni con l'ernia chiusa ti dicono che tu non hai mai avuto ernia.

      Quando tiri fuori la loro stessa dichiarazione rispondono (il mio caso) "errore mio, tu non avevi ernia, mi sono sbagliato io".

      La mia ernia era di più di 8 cm di diametro e quando si gonfiava arrivava a 15, raggiungendo lo scroto.

      L'intervento di ernia inguinale è quello che sostiene economicamente interi ospedali, 30.000 interventi solo a Madrid ogni anno, 14.000 solo in Toscana, 600.000 dentro un ospedale di Toronto (fa solo quella).

      Nessun medico riconoscerà mai che le ernie si possono chiudere e per quello arrivano qui come stai arrivando tu chiedendo un riscontro "dati alla mano" o "accertamenti medici" perché sanno che è impossibile averceli.

      Se invece io mi sbaglio e tu vuoi sapere veramente come fare per risolvere il problema di punta di ernia inguinale era sufficiente guadare la pagina "in punta di piedi" e cominciare a farli, invece di chiedere riscontri medici.

      Le persone che vengono qui vogliono soluzioni, non riscontri medici (perché difficilmente portano soluzioni ma altri problemi).

      Visto la fede che professi verso la medicina, il mio consiglio è di fidarti fino in fondo e fare chirurgia.

      Saluti Gustavo

      Elimina
    2. Scusami ma non volevo in nessun modo polemizzare e ti assicuro che non professo nessuna fede assoluta verso la medicina tradizionale. Il riscontro medico che mi sono permesso di chiedere a quanti hanno risolto il problema è proprio quello che tu confermi di aver avuto, la dichiarazione del tuo medico di aver sbagliato nella precedente diagnosi e di non avere nessuna ernia. Penso che condividere tali riscontri con gli altri sia molto importante proprio per tutte le persone che vengono in questo blog alla ricerca di soluzioni, oltre ad essere per te sicuramente motivo di orgoglio. Proprio per questo mi permetto di suggerirti di creare una pagina dedicata in questo blog invitando a lasciare la propria testimonianza a chiunque abbia adottato il sistema ed ha avuto modo di sentirsi dire dal medico che è stata fatta una diagnosi sbagliata.
      Ancora grazie e saluti
      Rob

      Elimina
    3. Il problema è che non esistono le diagnosi sbagliate, quando tu senti che si gonfia qualcosa nell'inguine, senti il bruciore o il dolore è sicuro che hai un ernia inguinale o una punta di ernia.
      Il medico serve solo a confermare che è così (e a dirti che l'unica cura è quella della chirurgia).

      Una volta che l'ernia è chiusa, tu lo capisci perché l'ernia smette di gonfiarsi per poi mandare via il dolore.

      Ci sono state persone che sono tornate dei medici perché volevano la conferma che l'ernia fosse chiusa e i medici (per capire bene se l'ernia c'era o meno) le hanno riaperte (infilando un dito).

      Ti ringrazio del consiglio, ma io la conferma dell'efficacia la prendo dalle e-mail che mi arrivano in continuazione con i ringraziamenti, con le donazioni che ricevo e vedendo le persone che dopo aver comperato un libro ritornano alla ricerca di altri.

      Un abbraccio

      Gustavo

      Elimina
  26. Buongiorno Gustavo, c'è un problema sul sito? E' sparito il mio blog pubblicato circa verso il 10 gennaio. Sono Luca trerotola.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si, credo che la quantità di commenti stia mandando in tilt qualcosa perché a volte faccio difficoltà a vedere nuovi messaggi che non vengono pubblicati.

      Adesso ho eliminato tutti i messaggi più vecchi di 6 mesi per dare luogo ai nuovi.

      Elimina
  27. Non vorrei fare la pecora nera del gruppo, ma mi sembra giusto riferire, considerando l'onestà fin'ora vista fra i commenti, di dire la mia, dopo 3 mesi di fasce portate di continuo e nostop, dopo essere passato ad una dieta vegana, dopo aver fatto gli esercizi ogni giorno e dopo 2 mesi e mezzo di camminata in punta di piedi, che l'ernia è ancora lì, scrotale e quasi uguale a quella di partenza (fortunatamente si è ridotta, ma poca roba rispetto all'inizio)... Non mi arrenderò nonostante tutto e non farò l'intervento, a mio avviso è assolutamente da evitare.

    Per chi volesse una mano in più d'aiuto per guarire :
    -Aggiungete limone nella vostra dieta in generale, è restringente ed aiuta per tutti i tipi di ernia
    -Ho notato miglioramenti interessanti dopo la prima settimana senza carne e derivati del latte, l'ernia si gonfiava molto meno
    -evitate di sollevare pesi di qualunque tipo quando possibile
    -diminuite il vostro apporto calorico totale giornaliero
    -aumentate la quantità di vitamina C naturale giornaliera, includendo pomodori freschi, kiwi, limoni come detto in precedenza e anguria quando possibile, la vitamina C fra i tanti benefici riconosce il rafforzamento della parete addominale e la migliorata circolazione del sangue in quella zona
    -evitate cibi eccessivamente processati

    queste sono le cose che mi aiutano di più ad evitare l'eccessivo gonfiore, la questione è migliorata ma purtroppo è ancora irrisolta..
    ps. ho 20 anni e l'ernia inguinale è indiretta, a differenza della gran parte delle ernie, dirette e non derivate da un difetto patologico come nel mio caso

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi sembra strano, quali cambiamenti hai notato nel tuo corpo dopo due mesi senza appoggiare i talloni?

      Gustavo

      Elimina
    2. Niente di particolare, se non che camminare in punta di piedi sta diventando quasi un'abitudine ormai fissa.
      Quello che sembra aiutarmi attualmente di più adesso è il cambio di dieta, ma essendo da poche settimane che ho cambiato penso sia presto per esserne sicuri.
      Ricordo che ho 20 anni ed ero già abbastanza allenato prima di scoprire di avere un'ernia inguino-scrotale
      Da gennaio avevo iniziato a portare l'incrociato ma sento che usare due fasce insieme mi blocchi un po' la circolazione e favorisca la diminuizione della libido, motivo per il quale adesso porto il guercio e cerco di tenere l'ernia contenuta quanto più a lungo possibile durante la giornata.

      EDIT importante : mi sono dimenticato di aggiungere che un metodo assolutamente interessante per far rientrare l'ernia quando questa è forte e non si riesce a farla rientrare direttamente con la mano, è quello di inspirare profondamente alzando di conseguenza lo sterno e di "stringere" i muscoli coccigeali, ovvero quei muscoli che si allenano con gli esercizi di Kegel, anche quelli assolutamente interessanti e che condivido con piacere : )

      Elimina
    3. NonEx, tu non stai camminando sulle punte, tu non hai 20 anni e non hai ernia inguinale. Tu non stai portando le fasce. Chiunque porta le fasce sa benissimo che la libido è l'ultima cosa che diminuisce.

      L'ernia è talmente devastante per la potenza sessuale che quando metti le fasce ti senti un superuomo e la potenza sessuale ti sembra moltiplicata, mentre invece è naturale.

      E' chiaro che sei un medico, tira il culo quando arrivano i pazienti informati? Dà fastidio che la gente non casca più nelle bugie che raccontate?

      Signori questo è un esempio del modo subdolo in cui si comporta la medicina, sono talmente abituati a dire bugie che sono convinti di poterle dire a chiunque.

      Caro imbecille, per capire i disaggi veri che crea un'ernia è necessario averla, altrimenti raccontare quello che vedi in giro è un po' difficile...

      Stammi bene

      Gustavo

      Elimina
    4. Gustavo, ti prego di credermi, se c'è una sola persona contro la medicina moderna e le case farmaceutiche, contro lo schifo che stanno facendo mentre cercano di nascondere al mondo la verità sui tumori e l'alzeimher, dove i primi sono curabilissimi con diete alcaline & ascorbato di potassio, e la seconda è una malattia inventata/ricreata, quella persona sono io. (spero che questo basti a farti capire che sono assolutamente contro le case di massoni-finanzieri-farmaceuti alla bayer / pfizer & co.)

      Ti ho scritto più mail in passato (In un periodo che va perfettamente da a desso a 3 mesi fa, dicendoti di chiamarmi Domenico e di avere 20 anni, e di soffrire probabilmente per un'ernia indiretta) a cui tu stesso hai risposto su cose lette nel libro che io stesso ho comprato.

      Non sono un medico, non ho nessun vantaggio o introito a dirvi che con me, purtroppo, non ha ancora funzionato e se fosse necessario, posso inviarti senza problemi una mia foto con tanto di nome età e perchè no foto dell'ernia e della fasciatura che sto usando...

      Mi spiace se questi commenti ti sono sembrati offensivi, non era assolutamente mia intenzione, al contrario volevo rendere noto alle persone che ora soffrono di questo problema che cos'è che mi aiuta di più, kegel & una dieta fruttariano/vegana sono un punto forte che mi aiuta durante la giornata

      PS: non sapevo che l'ernia tenesse a freno la potenza sessuale, ho detto di utilizzare solo una fascia anzichè due perchè non voglio toccare troppo la circolazione

      PPS: resto disponibile per dimostrarti che quanto dico (aihmè) è vero, e sono il primo ad esserne dispiaciuto

      Elimina
    5. Io vorrei crederti, ma stare tutto il giorno senza appoggiare i talloni e non notare i benefici è letteralmente impossibile. Avere un'ernia inguinale e non sapere che uno dei momenti peggiori è quando scopi pure.

      Non esiste persona al mondo che abbia un'ernia e non sappia questo.

      Comunque che io ti creda o no è indifferente. Questo è il metodo delle fasce e questi che hai visto sono gli esercizi, se come dici non ci sono risultati in te mi dispiace, non so che altro fare per te.

      Mi fai ridere... in che modo ti aiuta una dieta fruttariana? Se come dici l'ernia non è migliorata? Vedi, dici di non trovare benefici e poi dici che la dieta ti aiuta.

      Questo blog non parla di diete, secondo me sono utili soltanto a creare problemi.

      Gustavo

      Elimina
    6. "Generalmente" l'ernia non crea problemi alla libido o disfunzioni ormonali legati al testicolo preso di mira dall'ernia stessa, semmai, è l'intervento che puo' compromettere il corretto funzionamento e la corretta circolazione sanguigna nel testicolo dove l'ernia è scrotale.

      La dieta e più in generale il cibo, il cui transito nell'intestino è per forza di cose legato all'ernia, puo' aiutare se regolato ad alleviare i sintomi della stessa, nonostante io non abbia ancora(si spera in futuro ci riesca) risolto il problema

      Mi spiace comunque che un ragazzo di 20 anni con un ernia inguino-scrotale che ancora non è riuscito a guarire e che tutt'ora soffre per suddetto motivo ti faccia ridere...

      Elimina
    7. Ma quante conoscenze ti ritrovi a vent'anni. Ti informo che il problema della potenza sessuale non dipende dall'ernia in se ma dal fatto che dal momento che una persona si eccita, la pressione del sangue e di tutto l'organismo aumenta (perché tutto si accelera) e quindi il problema è che durante il rapporto l'ernia si gonfia e fa male, si fa difficile da contenere. Di solito è il momento in cui l'ernia dà più fastidio in assoluto.

      Per quel motivo chi ha un ernia non può farlo in certe posizioni ma può farlo benissimo sdraiato a pancia in su.

      Tu queste cose non puoi saperle perché un ernia, come si vede dalle tue risposte "non ce l'hai mai avuta".

      Te l'ho detto, se ti serve qualche consiglio mi trovi qui, ma prima di essere tu la persona che dà consigli agli altri dovresti almeno chiudere le tue di ernia.

      Gustavo

      Elimina
    8. Prenderò la frase riguardo il conoscere tante cose come un complimento, e davvero mi sento dispiaciuto di come tu non riesca a capacitarti del fatto che dico il vero. (resto disponibile a inviarti tramite mail tutte le foto che desideri, con tanto di "NonEx" scritto ovunque tu voglia)

      Per quanto riguarda l'ernia e la potenza sessuale, ti potrà sembrare assurdo, ma l'ernia che mi ritrovo (puo' superare i 7 cm) non mi ha mai dato grossi problemi di dolore, tant'è che per molti anni ho creduto d'avere un idrocele (non sapevo neanche cosa fosse l'ernia)

      PS: credo d'aver letto da qualche parte che questo è un metodo/blog opensource. Mi scuso se ho fatto sapere agli altri utenti cos'è che mi sta aiutando ad evitare il mio gonfiore.

      Elimina
    9. Vediamo quanto riesci a chiudere la tua ernia, tienimi informato, sono veramente curioso delle tue scoperte.

      Gustavo

      Elimina
    10. Ci sentiremo il mese prossimo per email, sperando in miglioramenti

      Elimina
  28. Ciao Gust!!!
    Vorrei un consiglio. Da poco più di un mese ho un' ernia da 1 cm che a quando pare è più difficile da curare. Fino ad una settimana fa andavo a correre ma ho visto che dopo la corsa l' ernia mi dava fastidio e quindi ho deciso di non correre più e così va meglio.
    Per tenerla dentro uso il guercio e ci riesco ma devo stringere forte. Volevo sapere se potrei avere dei problemi perchè stringo. Come faccio a capire se ho dei miglioramenti? Ed infine, dopo due mesi, la mattina devo stare senza fasciatura in ogni caso?
    Ti ringrazio in anticipo.
    Marco 47 anni

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Marco, con un ernia di 1 cm non hai bisogno delle fasce. E' sufficiente smettere di sbattere i talloni per terra o se ci riesci di appoggiarli.
      Se vuoi tornare a correre non è un problema ma devi farlo come quelli del Kenya con come i Tarahumani.

      Quando l'ernia ti dà fastidio mettiti in punta di piedi e stringi i glutei per qualche secondo (è la posizione che fanno per due secondi tutti gli atleti prima di iniziare uno spettacolo di ginnastica artistica).

      Un abbraccio

      Gustavo

      Elimina
    2. Gust....stai parlando con uno che ha corso da una vita sulla punta dei piedi anche quando giocavo a calcetto, infatti non ho mai avuto problemi di tendini o altro. Purtroppo l' età ed i muscoli del polpaccio non me lo consentono più.
      Seguirò il consiglio di stringere i glutei ma ancora per un pò terrò la fascia perchè se la tolgo l' ernia esce. Fra un mesetto o due ti farò sapere se è guarita o no.
      Buona giornata.
      Marco

      Elimina
    3. Marco di quale età mi stai parlando? Io sto sulle punte da 9 mesi e ho 47 anni.

      Se non riesci a stare sulle punte cerca di smettere di sbattere i talloni quando cammini, il problema è quello.

      Gustavo

      Elimina
  29. Ho una punta di ernia inguinale non visibile esternamente e da circa un mese e mezzo eseguo 3 o 4 volte al giorno gli Standing Elbow Crunch, 2 volte al giorno il ponte e ogni tanto il sospeso. Ho notato che ultimamente sento un leggero pizzicore inguinale, spesso da seduto, e vi voglio chiedere se questo è capitato a qualcun altro e può essere il segnale della probabile chiusura dell'ernia (spero!). Grazie per le risposte.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Di solito il dolore è segnale che l'ernia sta per uscire o che sta per chiudersi. Non ho visto che tu faccia il discorso dei talloni.
      Hai smesso di sbatterli per terra quando cammini?

      Gustavo

      Elimina
    2. Grazie Gustavo per la risposta, anche per quanto riguarda i talloni sto cercando il più possibile di evitare di sbatterli camminando e di poggiarli quando sono in piedi fermo. Non essendo un dolore quello che sento ma come ho detto solo un leggero pizzicore, peraltro non continuo, voglio sperare che sia per la chiusura.

      Elimina
    3. Non importa il motivo del dolore, se continui con il discorso talloni protetti la chiusura arriva comunque.

      Gustavo

      Elimina
  30. Ciao....Gust!!!
    All' improvviso 10 giorni fa l' ernia si è chiusa esternamente ed è sparito pure il gonfiore e dopo qualche giorno anche il bruciore quando facevo gli esercizi. Credo che sia guarita. Per sicurezza la fascia la tengo per qualche altra settimana ancora. Ti ringrazio tantissimo....mi hai evitato un intervento.
    Un abbraccio.
    Marco 47

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Marco.
      Puoi smettere con le fasce, puoi interrompere gli esercizi "NON PUOI TORNARE AD APPOGGIARE I TALLONI PER TERRA" altrimenti torna l'ernia.

      Grazie a te per il commento. Un abbraccio.

      Gustavo
      NB: l'intervento l'hai evitato tu, con la fiducia e l'impegno, non io. Io ho evitato i miei e ti ho detto come fare.

      Elimina
  31. Ciao Gus io sto usando le fasce,alternandole con il cinto erniario e volevo sapere se ci sono controindicazioni.Ovviamente ho comprato il tuo libro e faccio sia gli esercizi con le gambe che il ponte non tralasciando l'apnea e ultimamente sto provando a stare in punta di piedi il piu' possibile

    Michelangelo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Michelangelo, nessuna controindicazioni per il cinto erniario, a patto che riesca a contenere l'ernia dentro e non fuori.
      Bene per tutto quello che fai ma insisti soprattutto sul discorso punta di piedi, anche tralasciando tutto il resto.
      Se gradivi correre, dopo che smetti completamente di appoggiare i talloni per terra puoi ricominciare a farlo. Come i maratoneti Kenyoti ovviamente. Mai nel modo europeo.
      Gustavo

      Elimina
  32. Luciano da Palermo23 febbraio 2014 15:08

    Ciao a tutti ritorno a scrivere dopo un po' di tempo e porto buone notizie , ho iniziato il metodo di Gustavo da tre mesi e dopo attenta analisi sul mio fisico sugli effetti degli esercizi e suoi progressi in modo razionale e inizialmente titubante devo con piacere affermare che il metodo funziona .
    Funzionano gli esercizi e funziona il camminare in punta dei piedi .
    Ho inviato un mio report dettagliato su cosa soffrivo cosa ho fatto e l'evoluzione a Gustavo che se vuole può rendere pubblico .
    Continuerò con gli esercizi i progressi non possono fare altro che migliorare .

    RispondiElimina
  33. Luciano da Palermo03 marzo 2014 15:52

    Caro Gustavo nonostante i risultati brillanti che ho avuto in soli tre mesi ho un problema .
    Innanzitutto ho iniziato col tuo metodo che zoppicavo , dopo un mese di fasce riuscivo a camminare bene e lavorare ma sentivo l'ernia all'interno che spingeva , dopo un altro mese di esercizi , svolgevo una vita normale , lavoravo tranquillamente e gli allenamenti sono stati più produttivi , dopo tre mesi non sentivo più neanche l'ernia all'interno che voleva uscire .
    Nell'ultima settima però è ricomparso il fastidio , sento l'ernia che dall'interno spinge per uscire , che mi consigli di fare , mi fido di te .

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Continua a camminare senza appoggiare i talloni, si devo modificare la tua postura. E' quello che fa scomparire definitivamente l'ernia.

      Gustavo

      Elimina
  34. Luciano da Palermo03 marzo 2014 18:30

    Mi convinco che dopo aver ottenuto i risultati così strabilianti ho tralasciato un po' gli esercizi .
    Inizialmente facevo gli esercizi con molta determinazione non saltando mai un giorno e camminavo sempre in punta dei piedi , forse dopo aver raggiunto i risultati sperati mi sono un po' impigrito è forse questo il motivo che il dolore dell'ernia che vuole uscire è rispuntato ?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Forse sì e forse no, a me il fastidio mi torna quando mi imbestialisco per qualcosa, non arriva a ernia ma sento il fastidio. Credo che dipenda dalla postura. In ogni caso la postura cambia completamente dopo un anno credo, perché vedo che la mia postura sta ancora cambiando.

      Elimina
  35. Luciano da Palermo04 marzo 2014 10:25

    Continuerò a fare gli esercizi e camminare senza appoggiare i talloni con più determinazione e ti farò sapere .
    Vediamo se ho tralasciato qualcosa , mi metto d'impegno e penso che nell'arco di due settimane dovrebbe cambiare qualcosa , se così fosse allora ho mollato troppo presto , altrimenti ti terrò informato sull'evoluzione e vediamo se insieme riusciamo a trovare una soluzione .
    Ma il clima che cambia dall'oggi al domani può influire ?
    Perché quando cambia il tempo dove ho fatto l'intervento mi pizzica e mi dà fastidio e anche il lato opposto dove ho una punta d'ernia .
    Grazie Gustavo , penso che le varie esperienze possono fortificare e rendere scientifica la tua teoria .

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il clima per me non ha influisce. Non capisco cosa vuol dire mollare, immagino che non sia il discorso di tornare ad appoggiare a i talloni per terra no? I talloni per terra non devi più appoggiarli. I video sono chiari.

      Gustavo

      Elimina
  36. Luciano da Palermo05 marzo 2014 09:23

    Il clima per me un po' influisce , si purtroppo per un po' di tempo ho cominciato a trascurare il non appoggiare i talloni , o cominciato a camminare normalmente e dopo un po' il fastidio si è fatto vivo , nell'arco di dieci giorni è possibile sia questa la causa ?
    Quindi non posso mai più appoggiare i talloni a terra per il resto della mia vita ?
    Mi sembra eccessivo .

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io ho smesso 10 mesi fa e i miei talloni adesso sono diventati "tondi" come quelli dei bambini di 2 anni. Se vuoi proprio appoggiare i talloni che sia sempre dopo che hai appoggiato la punta. Non capisco il senso del farlo però.
      Fumare poco è senz'altro meglio che fumare tanto, ma non sarà mai meglio del non fumare.

      Se presti la dovuta attenzione, appoggiare i talloni è qualcosa che si fa soltanto quando si cammina in avanti. Salire e scendere le scale, spostarsi lateralmente, camminare sul posto, correre sul posto, correre, saltare o spingere, sono tutte cose che si fanno senza appoggiare i talloni.

      Gustavo

      Gustavo

      Elimina
  37. Luciano da Palermo06 marzo 2014 09:40

    Grazie sempre per le tue spiegazioni quindi adesso tu valorizzi di più i camminare senza appoggiare i talloni che gli esercizi ?
    Sono sempre sullo stesso piano d'importanza o uno è meglio e l'altro meno ?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Gli Elbow Standing sono utili per chiudere l'ernia. Camminare sulle punte per mantenere il tutto in perfette condizioni e far si che non torni mai più.
      Camminare sulle punte è l'unico modo di avere un organismo sano fino a 70 anni. Se appoggi i talloni qualcosa danneggi sempre.

      Gustavo

      Elimina
  38. Ciao gustavo ti volevo dire io ciò un inizio di ernia ma non è scesa ancora pero mi pressa nell'inguine e sopra il testicolo e mi fa un male quando sto in piedi cosa mi consigli visto che lavoro in una fabbrica dove svolgo per 8 ore un lavoro quasi sempre in piedi

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Smetti di appoggiare i talloni per terra, comincia con 5 minuti complessivi al giorno e poi vai aumentando. In 2 mesi arrivi a tutto io giorno. La prima cosa a scomparire è il mal di schiena, a seguire tutti i problemi digestivi. Vedrai che l'ernia è sempre più sotto controllo.

      Gustavo

      Elimina
  39. non può sostenere i talloni per stare in piedi o camminare senza?

    RispondiElimina
  40. Sono 6 mesi che uso le fasce e faccio gli Elbow e 3 mesi che sono in punta di piedi. Risultato: la zona dell'ernia è più robusta ma questa bastarda esce ancora.... non sò più cosa fare. Qualcuno di voi ha avuto i miei stessi risultati? Che ha deciso di fare?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Stai tutto il giorno senza appoggiare i talloni? Se lo fai si deve modificare la postura e modificata la postura l'ernia deve smettere di uscire.

      Gustavo

      Elimina
  41. Luciano da Palermo23 marzo 2014 15:19

    Trascurando qualcuno degli esercizi e il camminare in punta di piedi il problema si può ripresentare , quando tutto ti sembra finito se trascuri completamente tuto il problema si presenta , a me è successo circa tre settimane fa , ma dopo rimettermi d'impegno nell'esecuzione degli esercizi , ho riportato tutto nella norma , esercizi addominali ogni giorno e camminare in punta di piedi ed è fortunatamente tutto rientrata l'ernia .
    Grazie di vero cuore Gustavo , nonostante non sono ancora guarito del tutto ti aggiornerò sui prossimi risultati , nel frattempo ti comunico che mi sono riscritto in palestra e posso allenarmi oltre che condurre una vita normale e un lavoro normale .

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sei un vero guerriero Luciano. Hai la stoffa del gladiatore. Non solo ti impegni a fondo nelle cose, in più quando caddi ci metti ancora più impegno per ritirarti su e rimetterti a posto.

      Ti mando un abbraccio, sei veramente forte.

      Gustavo

      Elimina
  42. Luciano da Palermo25 marzo 2014 18:02

    Caro Gustavo grazie per le belle parole che userò per motivarmi nelle sfide della vita ogni giorno ,solo se si fanno le cose per bene al 100 per 100 si può dare un giudizio chiaro e razionale .
    Armato di tanta pazienza ho iniziato questo progetto con tanta speranza e motivazione coadiuvati dai vari studi che ho fatto in privato e che sostengono la tua teoria , quindi per prima cosa ci ho creduto , poi arrivati i risultati mi sono scordato di quanto ero limitato , il benessere derivato dagli esercizi mi avevano reso un uomo normale e un lavoratore normale ma non uno sportivo come prima .
    Entusiasta dei risultati mi ero inconsciamente adagiato sugli allori e tralasciando alcune buone abitudini di postura ed esercizi il problema si è ripresentato con tutte le paure .
    Adesso dopo quasi un mese , rimettendomi d'impegno perfezionando i tuoi consigli e diventando più diligente nel seguire le tue istruzioni nel quotidiano sono ritornato ad essere un uomo sano , un lavoratore produttivo e uno sportivo che è ritornato in palestra da tre settimane ad alzare pesi .
    Con un peso corporeo di 69 Kg e 39 anni mi alleno tranquillamente sollevando 80 Kg in panca piana per otto ripetizioni , naturalmente con tutte le precauzioni e gli accorgimenti di fare gli esercizi senza gravare sul basso bacino , discorso a parte per l'allenamento delle gambe molto più leggero e in ritardo rispetto la parte superiore del corpo , ma grazie a te con pazienza e perseveranza c'è la farò , grazie ancora Gustavo .

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Figurati Luciano, ti mando un abbraccio.

      Gustavo

      Elimina
  43. Ciao Gus,
    intanto grazie di quello che fai.
    Ho acquistato il libro 6a edizione Come ho guarito la mia ernia inguinale.
    Mi piacerebbe ricevere la settima edizione di OTTOBRE 2013 ma rispondendo alla mail dopo l' acquisto di sabato 22 marzo non ho avuto il link per scaricarlo.
    L' ordine di sabato è LR0045482.
    Mi puoi aiutare tu.
    Grazie Alessandro

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Alessandro.
      Mi sembra che tu hai comperato il libro in una libreria online, quindi io non vedo né il tuo indirizzo e-mail né quello che hai scaricato.

      Mandami una e-mail a info@mezzigrafici.com così ti rispondo con l'ultimo libro e anche con il libro che vuoi ricevere in regalo (non mandarmi ricevute che non mi occorrono).

      Gustavo

      Elimina
  44. Ormai mi sento una sorta di "vecchia guardia" del blog... Non c'è nessuno fra gli utenti che abbia indosso le fasce da più di 5 mesi senza aver risolto il problema ?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ci sono state delle persone che hanno portato le fasce per 6 mesi con due ernie scrotali e inguinali di 10 cm di diametro.

      Hai smesso di appoggiare i talloni per terra da quanto tempo?

      Gustavo

      Elimina
    2. Gennaio circa, le fasce invece ho iniziato a portarle verso fine ottobre. 5 mesi di fasce e 3 mesi senza poggiare i talloni (poggio prima la punta, poi i talloni). Rispetto a quando ho cominciato, l'ernia è rimpicciolita, ma ancora oggi durante la giornata riesce ad uscire e non posso in nessun modo contenerla completamente, deve ancora "perdere forza"

      Elimina
    3. Io al tuo posto smetterei di appoggiare i talloni, non dovrebbe essere tanto complicato se sei già riuscito a modificare le meccanica con la quale appoggi i piedi al camminare.

      Elimina
  45. Si io Le ho indossate per 6 mesi e l'ernia ancora esce. I talloni li poggio il meno possibile ed essendo uno sportivo faccio diversi allenamenti per gli addominali ma l'ernia è ancora li. A volte sembra sparita ma a fine giornata riesce e mi fà pensare che l'unica soluzione sia l'intervento..... E' vero che il fisico di ognuno di noi risponde in maniera diversa spero che le fasce a te facciano più di quanto hanno fatto a me.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Anonimo, gli esercizi addominali che puoi fare non devono mai essere i crunch normali, altrimenti sono quelli che fanno uscire l'ernia.

      Se ti vuoi operare fai pure, ma mettiti in testa che il problema da risolvere dovrai risolverlo qui insieme ai danni che ti crea l'intervento. Se dai un'occhiata dentro google appare una panoramica dei disastri che creano i chirurghi. Se cerchi in spagnolo trovo anche i danni moltiplicati per 10. Adesso approfitto per caricare nel sito le foto di come escono quelli che hanno fatto un intervento bilaterale finito in recidiva.

      Sono persone che 3 mesi dopo un intervento "perfetto" vengono da me per la recidiva o per chiudere un'ernia dall'altra parte.

      Gustavo

      Elimina
  46. Ho fatto la pagina dove si vede un esempio di un intervento di ernia bilaterale fatto nel 2013 in Mexico. Questi sono i passi da giganti che ha fatto la medicina.

    http://guarireernia.blogspot.it/p/esempi-di-ernie-chiuse-con-la-chirurgia.html

    RispondiElimina
  47. Ciao gustavo, ho preso il tuo libro per cercare di guarire la mia ernia . all'inizio non sapevo ci fosse metodo alternativo alla chirurgia, poi leggendo qua e la su google ho trovato questa pagina e ho deciso di provare. Ho usato il metodo guercio all'inizio per una paio di settimane unito a elbow crunch e ponte ma non andava bene per la mia ernia (scrotale da un paio di mesi) quindi sono passato al metodo inverso sempre con elbow e ponte 3 volte al giorno. Nonostante tutto capita che a volte esca lo stesso, e per la prima volta oggi mi ha un po dato fastidio (forse il bendaggio è troppo stretto?)..hai qualche consiglio?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si, il consiglio è quello di smettere di appoggiare i talloni per terra. L'utilizzo che fai delle fasce va bene ma non è quello che risolve.

      Devi cambiare modo di camminare.

      Gustavo

      Elimina
  48. Non vorrei dire ma potrebbe essere che l'allenamento coi pesi impedisca la chiusura dell'ernia ? Dopo ogni allenamento (mi alleno 2 volte a settimana, prima di sapere d'avere un ernia ci andavo 3) l'ernia fuoriesce quasi completamente, che siano i pesi a dare problemi a chi non riesce a guarire subito con le fasce ?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Aggiungo che c'è una correlazione innegabile tra chi si allena coi pesi e chi contrae un'ernia inguinale. Moltissimi bodybuilder hanno fatto/sono in attesa di fare detto intervento. Che i pesi influiscano negativamente su un'ernia è sicuro, ma che possano bloccare la guarigione con le fasce ? Qualcuno ha qualche informazione in più a riguardo ?

      Elimina
    2. Le fasce sono contenitive, non guariscono. Per chiudere l'ernia devi smettere di appoggiare i talloni per terra. Gli unici esercizi che fanno venire fuori l'ernia sono gli addominali. La famosa tartaruga che è completamente inutile a qualsiasi funzione.
      Smettendo di appoggiare i talloni per terra non ci sono limiti. Puoi fare anche più sforzi di quelli che facevi prima dell'ernia.

      Gustavo

      Elimina
  49. Ciao Gustavo,
    la mia ernia la vedo solo leggermente quando sono seduto.
    E' un'ernia o una punta d'ernia ?
    Io gli addominali li faccio da sempre ma non si è mai aggravata, pratico anche il nuoto.
    Mi consigli le fasce o bastano gli esercizi?
    Giacomo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Giacomo, si tratta di un'ernia un po' anomala, di solito si vedono quando sei io piedi e non quando sei seduto.

      Io proverei con gli esercizi per vedere se ci sono risultati, ma non sono certo che la tua sia ernia.

      Gustavo

      Elimina
    2. Io farei solo gli esercizi, quelli in punta di piedi. Gli addominali sono dannosi, devi assolutamente smettere, smettendo di appoggiare i talloni si tirano da soli gli addominali.

      Gustavo

      Elimina

  50. ho 55 anni e un ernia inguinale piccola, operata da bambino.
    Dove posso comprare il libro?
    Grazie.
    Fabrizio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lo trovi in questa pagina:

      http://guarireernia.blogspot.it/p/il-libro.html

      Elimina