martedì 12 giugno 2012

Guarire Ernia inguinale

“A un uomo che ha fame, non devi regalargli il pesce, devi insegnargli a pescare” Eduardo Santiago Gugliemotti
 Perché ti è venuta l’ernia inguinale

Le cause sono 3
Difetto di postura
Il problema di postura proviene da un modo di camminare sbagliato appoggiando prima il tallone e poi il resto del piede quando si cammina. Questo trauma continuo a cui viene sottoposto il corpo con ogni passo fa sì che il corpo assuma naturalmente una posizione sbagliata per ammortizzare gli urti che riceve la colonna vertebrale.

Debolezza intestinale
La postura sbagliata crea problemi a livello intestinale che possono essere il ventre gonfio e spostato in avanti o indietro. Quando il ventre si sposta in avanti crea ernia inguinale, quando si sposta indietro crea emorroidi e ernia inguinale o scrotale.

Debolezza degli addominali

Questo è il frutto di respirare male. La respirazione corretta è quella che si fa utilizzando gli addominali per “svuotare” i polmoni. I polmoni si riempiono d’aria naturalmente per conseguenza della pressione atmosferica. Non è necessario espanderli muscolarmente. La debolezza addominale non si cura facendo addominali normali, questi esercizi addominali aiutano a creare le ernie e il mal di schiena.



Le soluzioni

Il passo elegante
I miracoli che questo modo di camminare fa vedere alla gente in realtà non sono tali, perché questo modo di camminare non è miracoloso in sé. Il problema è che è il modo normale di camminare che è devastante per il corpo.
Quando si smette di appoggiare i talloni vanno via tutte le disfunzioni che appoggiando i talloni si creano. Il corpo è predisposto per funzionare perfettamente naturalmente, smettendo di danneggiarlo con il modo sbagliato di camminare è normale che scompaiono le disfunzioni: problema circolatori, digestivi, di postura, calcificazione dei tendini, contratture muscolari, ernia del disco, ernia inguinale.
     
Burning
Questo è un allenamento che combina iperventilazione e apnea. Ristabilisce immediatamente l’efficienza digestiva, elimina il gonfiore di stomaco e intestini e regolarizza le funzioni intestinali. Potenzia la reazione di tutti i muscoli che vengono richiamati durante i primi mesi con “Il passo elegante”. Mentre tutto il corpo si attiva e si rinforza la respirazione Burning si occupa di evacuare tutte le tossine che si producono (tanti muscoli non sono stati mai utilizzati correttamente) e combinata con la circolazione e il metabolismo potenziato dal passo elegante trasformano il tuo corpo in un formula uno. 

 
Allenamento di Pan
Questo allenamento è un aiuto per ritrovare prima la postura corretta perché si tende a camminare con l’avampiede mantenendo la postura precedente e per questo motivo si mantengono sempre piegati i ginocchi e si sovraccarica la punta e i diti dei piedi invece di mantenere il peso sull’avampiede.
 
Rinforzare le gambe
Se ritieni che il problema sia quello di avere le gambe deboli ti consiglio questo esercizio perché è di certo il modo migliore per far crescere le tue gambe. I maestri di Tai Chi dicono che bisogna avere gambe molto forti per riuscire ad essere rilassati nella parte superiore del corpo. Si tratta di un esercizio molto intenso quindi comincia gradualmente per pochi minuti al giorno.

L’utilizzo delle fasce
Se l’ernia non è ancora venuta fuori o se viene fuori di 1 cm ogni tanto le fasce non servono, è sufficiente cambiare modo di muoversi per far regredire l’ernia e chiudere il canale. Quando l’ernia è di 4 o 5 cm ed esce sempre è un problema da gestire perché durante la trasformazione e durante gli esercizi di respirazione ce la troviamo sempre lì a darci fastidio. Quindi è meglio utilizzare le fasce per mantenerla dentro durante il giorno. In questo modo gli intestini si trovano sempre al loro posto, tu puoi fare tutte le attività che vuoi e i tuoi addominali hanno la libertà di restringere quel canale senza creare inutili fastidi e dolori.


Le fasce fanno il loro lavoro meglio di qualsiasi cinto erniario perché costano di meno, si utilizzano direttamente sulla pelle, ci si può fare il bagno con loro e si possono lavare in lavatrice. Sono le fasce che utilizzano i pugili sotto i guantoni e si trovano in tutti i negozi di sport a 4,80€. Io utilizzavo due paia ed ogni volta che facevo la doccia le lavavo insieme a me e poi indossavo quelle asciutte e pulite quando uscivo.
Contenere le diverse tipologie di ernia è piuttosto complicato perché se il problema che le fa uscire è sempre lo stesso, il modo di venir fuori è tanto variegato. Per questo motivo ci ritroviamo più di 8 sistemi realizzati per contenere le ernie inguinali, le bilaterali, le scrotali che s’insinuano nell’inguine, nelle vicinanze dei testicoli o addirittura sopra il pene.


Il metodo graduale
Tu stai utilizzando male il tuo corpo da quando hai 5 anni, quindi la parola d’ordine è gradualità. Dovresti cominciare gradualmente smettendo di appoggiare i talloni 10 minuti al giorno i primi giorni per arrivare a 1 ora complessiva in un giorno dopo una settimana. Poi aumenti a seconda delle tue possibilità a 3 ore al giorno. Dovresti arrivare a tutto il giorno dopo 2 o 3 mesi. Dal momento che so che non ascolterai il discorso gradualità, ti dico il metodo del fanatico.

 
Il metodo del fanatico
Comincia a camminare in questo modo tutto quello che riesce. Si infiammano muscoli e tendini, fanno male i piedi ed i polpacci. Per rigenerare tutti i muscoli, tendini e velocizzare gli intestini fai 3 volte al giorno gli esercizi di iperventilazione e apnea (allenamento burning) e in questo modo il tuo corpo si rigenera completamente in 45 giorni. Per creare più forza e potenza nelle gambe è molto utile l’allenamento di Pan. Adesso mi fermo perché se sei un fanatico non dovresti essere nemmeno arrivato a leggere questo ma lo inserisco perché tornerai in questo sito dopo che cominci a sentire il dolore ai polpacci e al tendine di Achille. Ti mando un abbraccio, e se sei un fanatico non ti creare una colpa enorme, simo in veramente tanti.

Attenzione
Questo sito è informativo. Per qualsiasi dubbio che riguarda l’idoneità per fare gli esercizi qui descritti consultare un medico. Non mi assumo nessuna responsabilità su eventuali danni provocati da vostre decisioni in merito.

Gustavo Guglielmotti

157 commenti:

  1. Ciao Gustavo, ho una punta d'ernia a sinistra e un'ernia a destra più evidente, non so definirla in cm., un po meno di una palla di biliardino. Da circa un mese sto camminando senza poggiare i talloni, all'inizio ero a disagio, ora mi sto abituando e sono molto più sciolto, sto anche correndo alla "keniana" e mi trovo bene, solo che ultimamente ho alcune dita del piede sinistro che mi fanno male, probabilmente hanno sofferto questo cambiamento. Volevo sapere se anche a te è capitato di soffrire nei piedi all'inizio. Spero che dopo qualche giorno di riposo non si ripresenti. Se ho capito bene la fasciatura serve solo per contenere l'ernia mentre per la guarigione o meglio, per evitare la fuoriuscita, serva non poggiare i talloni. Io attaulmente non ho dolori e come ti dicevo l'ernia non è molto evidente, pensi che debba mettere le fascie o posso farne a meno?
    Ti ringrazio molto per quello che fai.
    Ciao, Antonello

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Antonello, il problema delle dita dei piedi è uno. Stai ancora nella posizione scorretta e questo fa si che il tuo corpo pesi troppo in avanti. Devi fare l'allenamento di Pan per corregger la postura e di conseguenza il punto G del tuo corpo.
      Per quello che riguarda le fasce al tuo posto farei a meno.

      Gustavo

      Elimina
  2. Ciao Gustavo, volevo sapere se l'allenamento di pan consiste in quel unico nell'esercizio in punta di piedi che spieghi nel sito e se c'è qualche video dove si può vedere perchè ho provato a farlo ma non so se lo faccio correttamente. Ho visto che hai scritto un libro sull'ernia, lì hai messo immagini sull'esercizio? Purtroppo la mia postura è proprio scorretta, tanto è vero che soffro di lombalgia, ecco perchè vorrei fare esercizi ma in modo corretto per non peggiorare le cose...
    Antonello

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai ragione, non ci sono video dell'allenamento di Pan ed è difficile di spiegare. Se non ti sei iscritto nel mio canale di youtube fallo che questa settimana pubblico l'allenamento di Pan.

      Gustavo

      Elimina
  3. Dovrei essermi iscritto al tuo canale, dico dovrei perchè non sono molto esperto col pc. Se pubblichi l'allenamento con un video sarà utilissimo.
    Ciao e grazie

    Antonello

    RispondiElimina
  4. Ciao Gustavo,
    Ho 41 anni e faccio molto sport gioco a tennis,nuoto e mi piace molto farmi una corsettina ogni tanto.Da molti anni che avvertivo un piccolo dolore all inguine ma non mi sono mai curato o fatto niente al riguardo,da un po che adesso il dolore e più intenso e si e spostato anche nel testicolo quindi sono andato a fare una visita medica e mi hanno riscontrato un punta di ernia inguinale e fra qualche giorno vado a fare un ecografia.Il medico visitandomi mi ha toccato e pressato fra il pene e i testicoli per trovarmi l ernia con un dolore fortissimo e ancora adesso ho un forte dolore cosa credi che ha infiammato tutto premendomi li così forte?Cosa credi posso andare a fare una corsetta magari sulle punte o mi suggerisci di evitare al momento che ho dolore?Con il dolore adesso posso iniziare gli esercizi del Pan?Grazie in anticipo e complimenti per il tuo Blog .Grazie Antonio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quello che hai un ernia, di questo non c'è dubbio. Devi cercare di capire il punto esatto da dove esce per fasciarlo ed evitare il dolore e il gonfiore.
      Se vuoi correre io lo farei con le fasce, sistema corazzato o guercio.
      La corsa fa fatta solo senza appoggiare i talloni e se metti le fasce puoi fare tutto quello che vuoi, tanto l'ernia e contenuta. Io mi impegnerei nella camminata prima di procedere ad altro.
      Solo la camminata in quel modo è un allenamento intenso.

      Gustavo

      Elimina
  5. Blog interessantissimo, grazie! Una fortuna averlo trovato.
    Ho una domanda: mi hanno riscontrato una piccola ernia inguinale dx.
    Da un po' di giorni ho dolori alla zona pelvica, addominali bassi, e un fastidio (non è dolore) al pene. E' tutto correlato all'ernia?
    In concomitanza con questo problema (e questi disturbi) ho notato anche un'erezione difficoltosa.... sempre colpa dell'ernia?
    Ad ogni modo incomincerò a fare questi esercizi, sono curioso sul risultato al quale possono portare.
    Grazie!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il dolore nella zona pelvica è l'ernia. Il problema di erezione no, ma immagino che venga creata dalla paura perché con l'eccitazione c'è un aumento della pressione interna e l'ernia tende a uscire.
      Se vai nel mio canale di youtube trovi le posizioni che puoi fare con le fasce e senza fasce.
      Al tuo posto farei soltanto il Passo elegante.

      Gustavo

      Elimina
    2. Ciao Gustavo,
      sì sono già andato a vedere qualche filmato sul tuo canale, grazie! Tra l'altro essendo anche miope mi interessano molto anche le questioni sulla vista...
      Guarda, ho provato un po' a camminare sulle punte stasera, e già i dolori addominali sono spariti....ottimo consiglio!
      Nel weekend provo andare anche a correre, cosa che faccio abitualmente quando sto bene....speriamo.
      grazie!!!!!!

      Elimina
    3. Procedi gradualmente, camminare in questo modo è già un allenamento intenso. Per quello che riguarda la vista ti consiglio di cominciare con Jump, è l'esercizio più efficace mai provato.

      Gustavo

      Elimina
  6. ciao gustavo volevo sapere ma se io faccio li esercizi da lei pubblicati per chiudere l'ernia perchè a me e leggera posso cmq allenarmi? io faccio per specificare allenamento a corpo libero quindi senza utilizzo di pesi , però ho notato che quando alleno gli addominali sento le fitte in zona inguinale purtroppo io amo le trazioni alla sbarra so che non alleno in modo intenso gli addominali però un pò lavorano e spesso mi causano fitte anche perchè io sollevavo le gambe e quindi poi gli addominali lavorano ancora più intensamente mentre adesso non sollevo più le gambe dall'altro giorno e cmq li lavoro ma siccome io non vorrei lasciare questa mia passione e perciò le volevo chiedere se e possibile fare esercizi per chiudere l'ernia ma anche allenarmi oppure sospendere l'allenamento per almeno una settiamana o 10 giorni cosa mi consiglia?

    RispondiElimina
  7. oppure devo dimezzare le sedute tipo vado solo 1 volta alla settimana anzichè normalmente che vado 3 volte

    RispondiElimina
  8. Ciao Mario, il problema non sono gli allenamenti ma il discorso di appoggiare i talloni per terra. Smetti di appoggiare i talloni per terra e puoi continuare con gli allenamenti. Il fastidio dovrebbe scomparire. Sollevare le gambe stando appeso dovrebbe essere benefico per l'ernia. Quello che non devi fare sono gli addominalia cruch normali, Solo gli elbow standing crunch.

    RispondiElimina
  9. Ciao Gustavo, ho una punta di ernia inguinale lato sinistro visibile da poche settimane ed ho compreso in questo blog che il principale esercizio iniziale è quello di camminare senza appoggiare i talloni, ma per chi sta buona parte della giornata seduto che bisogna fare?? E' consigliabile qualche specifica posizione. Grazie. Francesco.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Francesco. Stare seduto è una buona cosa, almeno per i primi mesi perché la trasformazione non è semplice.
      Concentrati sul discorso quando stai in piedi e non guardare il tempo seduto, non ci sono danni. Risolverai il tutto in pochi mesi.
      Non scordarti di fare gli esercizi di apnea come le vedi nel mio video "Dimagrire".

      Gustavo

      Elimina
  10. Ciao Gustavo , mi chiedo se non pubblica più in portoghese , dato che l'ultima delle quali nel 2013 .
    Non posso pagare con pay -pal e successivo download.
    Cordiali saluti,

    RispondiElimina
  11. Scrivimi a info@mezzigrafici.com e ti mando quello che ti occorre. Il blog in portoghese lo seguono altre persone che si trovano in brasile ma sono poco costanti.

    Gustavo

    RispondiElimina
  12. Ciao Gustavo, sono diversi giorni che leggo e mi interesso del tuo blog e avrei delle domande da farti, inizio raccontando la mia situazione:
    Ho 18 anni e mi sono operato a 15 anni e mezzo per un ernia inguinale dx senza problemi (apparte alcuni recenti fastidi e la perdita di sensibilità in una zona ristrettissima ) ;
    Da un anno ho iniziato a fare ginnastica acrobatica e a forza di battute e atterraggi o sforzi troppo pesanti mi sono ritrovato con una punta di ernia ;
    Dopo essere stato visitato da uno specialista mi sono state prescritte delle mutande (enormi) elastiche per la contenzione dell ernia sperando non esca (che credo siano analoghe alle tue fasciature) ;
    Ora sto già cammino sempre in punta di piedi quando sto a casa e faccio gli elbow crunch , gli esercizi di Pan e le sdraiate sospeso e tra 2 settimane ho finito di fare acrobatica ,il corso mi ricomincia a settembre:
    Ora la domanda: ma se dopo 3 mesi riesco a chiudere questo principio di ernia (o ernia se lo è già diventato), rischio di rovinare tutto se per sbaglio dovessi atterrare male o fare uno sforzo eccessivo quando ricomincio acrobatica?
    Fisicamente non sono messo male , peso 81Kg e sono alto 1,87.

    Come altre domande di sfondo secondario ti vorrei chiedere:
    Quando cammino senza i talloni è meglio se tengo le ginocchia tese e mi sbilancio in avanti con il bacino?
    Ci sono particolari scarpe che consigli per la camminata mondana senza talloni (sportive , da corsa , ecc...)?
    Ho sentito che gli addominali a sforbiciata e il ponte aiutano , vero?

    Ti ringrazio per il grande lavoro che stai portando avanti e mi scuso per la mia scrupolosità ,
    Cordialmente aspetto risposte , Thomas

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ovviamente la nuova ernia è sul lato sx ed ho una predisposizione sia da madre (zii) che da padre alle ernie.
      Ancora grazie, Thomas

      Elimina
  13. Thomas, quello che farei io è smettere di appoggiare i talloni e gli esercizi di apnea che vedi nel mio canale e nel video dimagrire. Devi rinforzare il tuo corpo e il funzionamento degli organi.
    Le ginocchia è meglio averle dritte mentre si cammina ma il solo camminare senza appoggiare i talloni fa si che il tutto si raddrizzi naturalmente.

    La ginnastica acrobatica però non è un qualcosa che fa bene al corpo, è normale che tu si a rischio per l'ernia e per la schiena. Non so che altro dirti, non sono preparato per questo tipo di discorsi, io mi occupo di saluto e questo è uno sport estremo.

    Gustavo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ok grazie mille cercherò di rafforzare il più possibile;

      Elimina
    2. Ciao Gustavo sono sempre Thomas, volevo farti sapere per amor di informazione che ho ripreso ginnastica e che i "salti"(esclusi quelli più pesanti che lascio stare a questo punto) e gli esercizi di scioltezza/potenziamento (eliminati crunch classici , laterali e dorsali) gli ho integrati con la continua posizione sulle punte , la mutanda di contenzione e i tuoi esercizi e non ho avuto nessun problema;
      Solamente il ponte mi ha tirato un po' di più nella zona centrale forse per lernia che rientrava o per la continua camminata sulle punte.
      Comunque consiglieresti qualche esercizio per gli addominali? perché sento gli elbow crunch un po' leggeri.
      Ti ringrazio in anticipo!

      Elimina
    3. no elbow si plank anche laterali si addominali ipopressivi

      Elimina
  14. Gustavo hai qualche consiglio sulle scarpe da comprare per agevolare la camminata sulle punte?
    Grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non particolarmente. Io utilizzo le crocs le scarpe da tennis e le scarpe normali. Le migliori sono le crocs ma anche le scarpe da tennis vanno bene. Io uso le minimal e quelle da running normali.

      Elimina
  15. ma le fasce vanno legate strette o no ? grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Devono contenere l'ernia e non devono irritare la pelle. Dopo un po' di tempo camminando correttamente l'ernia smette di spingere ed è più semplice contenerla anche senza stringere le fasce.
      Gustavo

      Elimina
  16. Gustavo , ma le fasce nere del sistema corazzato che usi nel libro(quelle per fare i nodi non quelle della "cinta") che caratteristiche hanno?
    Sono elastiche o hanno caratteristiche particolari?
    Xchè non ho proprio idea di dove trovarle e di come siano,
    Grazie mille

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono le fasce che i pugili utilizzano sotto i guantoni, ci sono in cotone, elastiche e semielastiche. Per me quelle rigide sono le migliori e le trovi dentro tutti i negozi di sport.

      Elimina
    2. Consigli di portarle anche di notte le prime settimane ?

      Elimina
    3. No, mai di notte. Soltanto di giorno. Tre cose importantissime. La camminata con il passo elegante, e gli esercizi di respirazione che trovi nel mio canale di youtube. Gli addominali sono importantissimi ma bisogno allenarli soltanto con la respirazione.

      Elimina
  17. Che tu sappia le fasce (soprattutto quella elastica) si possono portare anche se si fa il bagno al mare o è meglio di no? Grazie

    RispondiElimina
  18. Io le portavo al mare, ma sono un uomo, quindi non si vedevano sotto i pantaloncini.
    Gustavo
    In ogni caso se cominci a fare gli esercizi di iperventilazione che vedi nel mio canale di youtube non hai bisogno di fasce al mare.

    RispondiElimina
  19. Buongiorno, faccio un lavoro in cui sto sempre in piedi, ho l ernia inguinale e volevo chiedere se per stare sulle punte basta camminare sulle punte oppure ci devo stare anche quando sono fermo? Grazie della risposta

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dovrebbe essere sufficiente camminare in questo modo. La cosa migliore e non appoggiarli mai, come gli animali. Comincia con il camminare, poi dopo qualche mese tenerli sollevati diventa automatico.

      Gustavo

      Elimina
  20. Ciao Gustavo, ho comprato il tuo ebook e sono circa due mesi che faccio gli esercizi. La mia domanda è questa: l'ernia che avevo inizialmente è di fatto regredita (il gonfiore al pube se ne è andato), però quando non porto le fasce, continuo ad avvertire un senso di debolezza sulla parete inguinale (come se il problema potesse riverificarsi da un momento all'altro). Cosa devo fare per eliminare questo senso di debolezza?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Continua a camminare senza appoggiare i talloni e a fare gli esercizi di iperventilazione 3 volte al giorno.

      Gustavo

      Elimina
  21. Salve Gustavo complimenti per le tue scoperte volevo chiederti l'esercizio di burning quante volte al giorno e per quando tempo va fatto??
    premetto che ho una fitta all'inguine quando soffio il naso e la mattina faccio mezzora di ginnastica ipopressiva per andare in bagno ma sento di nuovo la fitta... posso fare sia burning che ginnastica ipopressiva senza causare danni??? ossia se non faccio la ipopressiva basterebbe il burning senza peggiorare la situazione? ovviamente tutto abbinato alla camminata su punta di piedi?? la mia priorità avere una pancia piattissima che purtroppo ho sempre un po gonfia anche facendo i tuoi esercizi... grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il problema tuo è di posizionamento di organi interni. Prova a fare Burning come si vede nel video mio e tra 30 giorni ti va via la fitta e anche la pancia.
      Non ci sono rischi a fare questo, io faccio burning (come vedi nel video) anche 10 volte al giorno.

      Gustavo

      Elimina
  22. per quando riguarda la ginnastica ipopressiva può dar problemi alla fitta?? e meglio non farla o farla insieme al burning ?
    grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io farei di più Burning per la fitta, lascia gli ipopressivi per più avanti.

      Gustavo

      Elimina
  23. Ho l'ernia inguinale sinistra, è una settimana che cammino sulle punte, è normale che senta dolore e sensazione di bucare sull'ernia?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

      Elimina
    2. Oltre al dolore mi viene anche più in fuori, è normale anche questo?

      Elimina
    3. Normale si, benefico no. Stai usando le fasce come indica il libro e facendo burning?
      Gustavo

      Elimina
  24. Buonasera,
    Sono alle prese con un dubbio tra pubalgia o ernia inguinale. Premetto che gioco a calcio . Da 20 anni circa. L'8 giugno ho sentito dolore dopo aver calciato molto forte nella zona inguinale sx. Soffrivo di una leggera pubalgia. Da quel giorno il dolore non e' mai passato. Ho effettuato una eco e hanno evidenziato una probabile ernia inguinale visibile solo a pancia dura e non da in piedi. In effetti quando contraggo gli addominali,si gonfia una parte del mio basso addominale a sx. Dopo altri esami e' stata scongiurata l ernia e sono stato trattato per 3 settimane con laser e massaggi per la,classica pubalgia. Il dolore,non e' passato. Sarà ernia o pubalgia? Consigli da darmi? Grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Davide

      Se non hai un ernia adesso l'avrai un domani. Questo è sicuro. Dovresti cambiare modo di appoggiare i talloni, guarda il modo in cui appoggiano i talloni Messi e Ronaldo, vedrai che li tengono sempre alzati da terra.

      Insieme alla forma di appoggiare i talloni devi fare respirazione burning, la trovi sempre nel mio canale.

      Gustavo

      Elimina
    2. Dovresti risolvere in 3 mesi. Facendo questo che ti ho detto. Non ti serve il libro e non ti servono le fasce.

      Elimina
    3. Ti ringrazio gustavo,
      Usare una talloniera morbida da inserire nelle scarpe non serve a nulla o poco ? Solo il non apoggio dei talloni e' efficace quindi

      Elimina
    4. Dal mio punto di vista no.

      Gustavo

      Elimina
  25. Salve gustavo ho letto un pò dei tuoi esecizi dall'ernia alla stitichezza addirittura per la miopia sei veramente un grande, volevo chiederti anche se non c'entra nulla e da un anno che soffro di tunnel carpale a tutte e due le mani e per i medici più in avanti ci sarà solo intervento chirurgico, per caso lei avrebbe qualche idea con i suoi metodi molto efficaci?..questa patologia e molto invalidante e non mi permette di usare le mani a pieno e un casino pure per il lavoro e vorrei evitare l'intervento .... ti ringrazio in anticipo
    Antonio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io non ho avuto questo problema ma l'ha avuto mia sorella solo che non ho la certezza di come l'ha risolto o meglio dire so come l'ha risolto ma condivido la meccanica.
      Dentro la serie di esercizi per l'ernia inguinale faccio vedere un tipo speciale di flessione che si fa a muro appoggiandosi sulla punta delle dita delle mani. Le vedi nel video.
      Questo elasticizza e rinforza tendini (non so il perché) e con questo lei l'ha risolto solo che le era venuto dopo aver verniciato casa e quindi non ho la certezza che sia stato Tunnel carpale.

      Ti dico quello che farei io perché io credo che i problemi ai tendini vengono da un problema di postura sotto le cervicali.
      Cambierei gradualmente modo di camminare (passo elegante) e comincerei con la respirazione Burning. Soprattutto se fai la variante "Fast Burning" che è quella più veloce arrivando al massimo della velocità che puoi fare (3 al secondo) vedrai che la schiena (dietro la gabbia toracica) si raddrizza immediatamente (altrimenti non riesci a muovere velocemente l'aria).

      Fast Burning ha effetti immediati, del tipo dovresti notare cambiamenti in 4 giorni. La camminata del passo elegante ha risultati in 10 giorni ma raggiungere l'indipendenza dei talloni con il pavimento porta via minimo 2 mesi. Comunque che risolvi è sicuro.

      Gustavo

      Elimina
  26. Ciao Gustavo , ho iniziato a fare gli esercizi che indicavi nel libro e a portare le fascie poco meno di due mesi fa (ernia inguinale sx che spesso è fuori ma tipo appena mi alzo da disteso o dopo che sto un po' seduto tende a rimanere dentro per un po' di minuti) ma a causa della mia grandissima incoerenza ho riscontrato meno benefici anche se l ernia non è aumentata di volume (sempre di sporgenza 1/2 cm circa) e non ho alcun fastidio;
    Ti chiedevo se potevi scrivermi una specie di "tabella" di esercizi giornalieri poiché nonostante gli addominali visibili ho una debolezza inguinale genetica che è ostica da trattare e entro un mese e mezzo dovrei riprendere palestra e non vorrei problemi o fastidi .

    Ps. Per gli esercizi sono disposto a fare tante serie al giorno quando me ne indichi te perché vorrei limitare completamente l'uso delle fascie a quando faccio sport,

    Grazie Mille ,Thomas

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io sto tutto il giorno sulle punte da 3 anni oramai. Gli esercizi di respirazione burning li faccio 5 o 6 volte al giorno (quello che si vede nel video) Non so che altro dirti. Io li faccio ogni volta che mi ricordo di farli, non mi metto limiti alla quantità massima. La quantità minima è di 3 volte al giorno.

      Elimina
  27. Ok, ma dopo la camminata sull avanpiede e gli esercizi di fast burning , quali sono secondo te gli esercizi piú utili a rinforzare l inguine e a chiudere l ernia?
    Te lo chiedevo perché magari aumentavo la loro frequenza oltre quella del fast burning.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Oltre la camminata sull'avampiede e il fast Burning non conosco altro. Il corpo fa tutto da sé. Puoi fare l'allenamento di Pan che trovi nei siti ma facendo Burning mi sembra superfluo.

      Gustavo

      Elimina
  28. Salve Gustavo, sono un po di anni che soffro di una fitta all'inguine sinistro con leggero indolenzimento del testicolo quando tossisco o quando spingo per andare in bagno ed ho cominciato a fare i tuoi esercizi in punta di piedi, sdraiato sulla sedia, ma soprattutto mi sfondo di fast burning dalla mattina alla sera e faccio anche un pochino di respirazione ipopressiva,quando faccio il fast burning ho malissimo all'inguine ormai da 3 giorni sento dolore perfino dietro il gluteo dovrei fermarmi o l'effetto degli esercizi e giusto??premetto che il dolore cosi forte è cominciato da quando ho iniziato il fast burning, e normale?? o dovrei fermarmi?? o sto sbagliando qualcosa?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si stai sbagliano qualcosa anche se non so che cosa perché è la prima volta che sento questo che dici tu. Ti consiglio di lasciare tutto e prendere immediatamente appuntamento con un chirurgo.

      Cordialmente Gustavo

      Elimina
  29. buonasera Gustavo,
    Volevo chiederti quando un ernia fa male...nel senso,in che movimenti o posizioni. Quando starnutisco o tossisco non ho per niente male. Ho dolore se da seduto cerco di avvicinare il petto alle ginocchia ( quindi racchiudendomi) oppure quando da sdraiato cerco di stringere un oggetto posto tra le ginocchia. Sento dolore anche quando faccio streching per adduttori. Ho un dolore nella zona dell addominale basso vicinio All inguine. Tempo fa tu mi dissi che non era ernia, avendo questi dolori pensi sia ancora così o sono dolori classici di ernia? T ringrazio

    RispondiElimina
  30. Ciao Davide, I dolori che senti sono si quelli che si sentono con l'ernia ma la domanda rimane ti si gonfia l'inguine o no?

    RispondiElimina
  31. Ogni tanto si gonfia,non sempre, e solo se contraggo gli addominali. Da posizione eretta. Non ho un gonfiore tipo "pallina" ma un gonfiore che segue la muscolatura dell addominale, quindi diciamo curva. E ripeto,nn si vede sempre. Che dici?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Credo che sia un principio di ernia. In ogni caso ha poca importanza. Al tuo posto farei gli esercizi di iperventilazione e la camminata con il passo elegante. Qualsiasi cosa si che ti crea il disturbo è meglio sistemarla. In ogni caso quando si gonfia di solito è ernia.

      Elimina
  32. Ok grazie. Siccome gioco a calcio, usare le mutande contenitive mi può aiutare a non sentire dolore durante l'attività sportiva?

    RispondiElimina
  33. ciao a tutti sono Claudio e vi scrivo perchè da quando mi sono messo in rete alla ricerca di una soluzione per la mia lombalgia acuta diagnosticata dagli ospedali dove sono stato ricoverato, gira che ti gira ho trovato questo Signor Gustavo che consigliava semplicemente di camminare sulle punte.....devo dire che all'inizio ero molto scettico ..però il mio carattere privo quasi di preconcetti e pregiudizi...o detto quasi....mi ha fatto pensare una cosa ..cioè quella di provare per poi giudicare....beh adesso sono qua dopo aver provato da oramai circa un paio di mesi..e devo dire che la lombalgia è solo un lontano ricordo....era da sempre che mi portavo dietro questo fastidiosissimo problema...e non solo ho risolto anche il problema della cervicale ...insomma sto molto meglio..nel frattempo sto guarendo anche la mia ernia inguinale dx..che con l'aiuto della cinta erniaria e una dieta più sana ed esercizi per addominali bassi ..è quasi sparita..prima non potevo stare in piedi che subito usciva..ora sono qui che scrivo ...al pc...sono sveglio dalle 8 , 30 circa ..non porto la cinta ..è l'ernia è ok...ciao a tutti ..e grazie Gustavo...è vero che nella semplicità spesso risiedono le migliori soluzioni.....

    RispondiElimina
  34. ciao a tutti sono Claudio e vi scrivo perchè da quando mi sono messo in rete alla ricerca di una soluzione per la mia lombalgia acuta diagnosticata dagli ospedali dove sono stato ricoverato, gira che ti gira ho trovato questo Signor Gustavo che consigliava semplicemente di camminare sulle punte.....devo dire che all'inizio ero molto scettico ..però il mio carattere privo quasi di preconcetti e pregiudizi...o detto quasi....mi ha fatto pensare una cosa ..cioè quella di provare per poi giudicare....beh adesso sono qua dopo aver provato da oramai circa un paio di mesi..e devo dire che la lombalgia è solo un lontano ricordo....era da sempre che mi portavo dietro questo fastidiosissimo problema...e non solo ho risolto anche il problema della cervicale ...insomma sto molto meglio..nel frattempo sto guarendo anche la mia ernia inguinale dx..che con l'aiuto della cinta erniaria e una dieta più sana ed esercizi per addominali bassi ..è quasi sparita..prima non potevo stare in piedi che subito usciva..ora sono qui che scrivo ...al pc...sono sveglio dalle 8 , 30 circa ..non porto la cinta ..è l'ernia è ok...ciao a tutti ..e grazie Gustavo...è vero che nella semplicità spesso risiedono le migliori soluzioni.....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Claudio, non hai idea quanto siano pochi quelli che si ricordano di passare da queste parti per dire la propria esperienza. La maggior parte mi chiama al telefono ma nonostante il gesto di affetto le parole rimangono al di fuori di quello che si riesce a vedere.

      Riguardo alla semplicità una sola cosa
      Soltanto attraverso lo studio degli idioti ho conquistato la vera intelligenza.

      Gustavo

      Elimina
  35. Ciao Gustavo sapresti dirmi per favore se l esercizio di alzata di gambe a squadra da sdraiato è benefico per l ernia ?

    RispondiElimina
  36. Ciao Giuseppe, ho visto qualche video su internet che lo propone ma io credo che non serva a nulla. Gli ho provati senza risultati. Dal mio punto di vista l'unico modo di chiudere un'ernia inguinale è cambiando modo di appoggiare i piedi e facendo gli esercizi di iperventilazione.

    Gustavo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie per la cortese risposta..Ciao !

      Elimina
    2. Grazie per la cortese risposta..Ciao !

      Elimina
  37. Salve Gustavo dopo ecografia mi viene riscontrata un inizio di ernia inguinale lato destro di 15 mm per 5 mm leggendo i suoi consigli e da circa una settimana che sto camminando non poggiando gradualmente i talloni a terra ma il dolore aumenta leggermente è normale in questa fase? La ringrazio tantissimo Vittorio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Devi combinare il passo elegante con la respirazione burning e l'allenamento di Pan. Di solito il dolore indica che l'ernia cerca di essere contenuta dai bassi addominali ma per questo bisogna abbinare Burning al modo di camminare.

      Elimina
  38. Ciao Gustavo, ti ho scritto già a Luglio per avere consigli su una piccola ernia lato dx che mi veniva fuori saltuariamente. la mia domanda è la seguente: ormai non poggio quasi più i talloni per terra (tranne quando sono fermo in piedi) e faccio gli esercizi di iperventilazione 3/4 volte a settimana. Il gonfiore al pube non è più fisso però accade che quel lato del pube dove prima veniva fuori l'ernia adesso la sento spesso infiammata (soprattutto se non riesco ad andare in bagno). Fermo restando che a questo punto dovrei fare degli accertamenti (sperando che non si sia strozzata), mi chiedevo se la cosa fosse già capitata a te!....Ad ogni modo graie per i tuoi preziosi consigli

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si ho sentito tante volte questo. Il problema è di postura e di intestini. Devi rinforzare ancora con la iperventilazione gli addominali bassi.
      Io faccio gli esercizi di iperventilazione 2 volte al giorno minimo.

      Gustavo

      Elimina
    2. grazie sempre per la tempestività delle tue risposte......ti terrò aggiornato per i progressi!

      Elimina
    3. Prova a fare Burning durante 10 minuti seduto davanti alla TV per 3 sere di seguito. Poi mi racconti i risultati.

      Elimina
  39. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  40. Ciao Gustavo potrei farti una domanda? Pensi che la corsa potrebbe aggravare un ernia inguinale già molto pronunciata o potrebbe anzi essere benefica fatta senza appoggiare i talloni?grazie anticipatamente se potrai rispondere..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La corsa appoggiando i talloni è disastrosa per l'ernia inguinale. La corsa senza appoggiare in teoria non crea danni ma nella pratica si tratta di uno sforzo enorme, sarebbe meglio lasciarla per quando l'ernia è stata risolta. Altrimenti si può fare con le fasce ma è sempre meglio aspettare aver risolto l'ernia o almeno che sia controllata grazie agli addominali più forti.

      Elimina
  41. Grazie Gustavo mi sembra di parlare con un amico anche se non ti conosco

    RispondiElimina
  42. Ciao Gustavo,
    sono Fabrizio ho 49 anni e, il pomeriggio del 31/12/15 al ritorno da una corsa a piedi mentre mi facevo la doccia ho notato un rigonfiamento nella zona pelvica, non sono ancora andato dal dottore, ma da quello che ho letto sembra proprio un'ernia. Pratico a livello amatoriale diversi sport, in particolare vado in bici (strada) e corro a piedi.
    Leggendo nel blog ho visto diversi esercizi da fare per risistemare l'intestino al suo posto e risolvere il problema, ma mi potresti dire quali fare in maniera mirata e se mettere le fasce per velocizzare il tutto.
    Oltre a questo vorrei sapere se posso continuare a fare sport ed in particolare andare a correre a piedi.
    Approfitto della tua gentilezza per sapere quale libro devo acquistare per vedere gli esercizi.
    Saluti

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quello che hai è un'ernia inguinale, di questo non c'è dubbio.

      Gli esercizi sono due:
      Il Passo elegante
      Burning

      Non devi lasciare gli sport ma si devi imparare a correre correttamente.

      I libri sono due quello delle fasce e Ernia training. Il primo fa vedere tutti i sistemi per legare e proteggere l'ernia mentre la chiudi con gli esercizi il secondo spiega l'allenamento per rinforzare gli addominali bassi e rimettere a posti le funzioni dell'apparato digestivo ed endocrino.

      Quello che vendo io è un metodo per chiudere l'ernia. Anche se non è scritto da nessuna parte quando una persona compra uno dei libri riceve insieme l'altro. Non si sa mai quale dei due ti serve e allora i libri viaggiano insieme.

      Questo funziona solo per chi acquista nei blog, perché quando una persona acquista nelle librerie online non mi arriva la possibilità di vedere chi siano, ma solo la notifica che hanno acquistato.

      Gustavo

      Elimina
  43. Ciao gustavo Dopo uno sforzo di lavoro il giorno dopo avevo un dolore scrotale e un po' lombare premetto che faccio lavori leggeri di manovalanza quindi è stato un caso isolato questo ma già dopo due giorni e andato via cmq dopo ulteriori 3 giorni sono andato a fare una ecografia scrotale sotto suggerimento di medico, il referto dice : didimi in sede anatomica entrambi con normale volume ed ecostrutta omogenea con assenza di lesioni assenza di idrocele echi scrotale regolari ed è tasca del plesso pampiniforme se con reflusso alla manovra di valsalva, in sede inguinale se durante manovra di valsalva si apprezza una minuta deiscenza ernaria con porta di circa 7mm che impegna il 3 superiore del canale inguinale e spontaneamente si riduce. Il referto della radiografia lombo dorsale dixe che non ci sono lesioni ossee, verticalizzazione della lordosi lombare e conservata ampiezza degli spazi interrogativi Tutto questo è successo una settimana fa quindi è questione di giorni, ora ho un leggero fastidio ma nulla di più volevo sapere se posso evitare di operazioni chirurgia e se posso fare attività di ellittica cioè tipo ciclette ma senza sellino, se questo leggero fastidio mi passa, grazie mille per la Vs risposta ed attenzione dedicata

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quello che farei io al tuo posto è l'allenamento per rinforzare addominali bassi, addominali e per potenziare la funzionalità degli organi interni. Questo non è il sito giusto per il problema che hai. Devi cambiare modo di camminare e fare gli esercizi di respirazione. Trovi tutto in questo sito. Dovresti risolvere in 60 giorni circa.

      http://erniatraining.blogspot.it/

      Gustavo

      Elimina
  44. Ciao Gustavo, dopo un allenamento in palestra ho iniziato a sentire dolori all'inguine sinistro, dopo l'ecografia, mi è stata diagnosticata un'ernia di 8mm. Quest'ultima si fa sentire poco durante la giornata, ma appena mi sforzo di più, mi da un po' di fastidio.
    Sono 3 giorni che provo i tuoi allenamenti e adesso ho un leggero bruciore sempre nella parte che interessa l'ernia.
    Cosa mi consigli di fare??
    Grazie.

    RispondiElimina
  45. Ciao Gustavo, ho un'ernia inguinale di 8mm che mi da fastidio quando faccio sforzi o mangio troppo. Da 3 giorni sto provando i tuoi allenamenti, mi sento meglio ma mi brucia un po' la parte che interessa l'ernia. Cosa mi consigli di fare?
    Grazie in anticipo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Mario
      Quello che farei io al tuo posto e continuare con il passo elegante, la respirazione Burning e l'allenamento di Pan. Il bruciore significa due cose: che l'ernia si sta aprendo o che si sta chiudendo.

      Elimina
  46. Ciao Gustavo, ho fatto come mi hai detto. Ora l'ernia si fa sentire poco e niente. Solo qualche fastidio ogni tanto durante la giornata. Il burning è... fantastico.. dopo due mesi di stop i miei addominali si stavano "sfaldando" e adesso si stanno ridefinendo! Credo che quando finirò i due mesi di allenamento, proverò a fare un'ulteriore ecografia.. e se l'ernia è sparita, comprerò tutti i tuoi libri!
    PS: Vorrei fare nuoto 1 volta a settimana (solo stile e dorso), tu che dici??
    Grazie mille.

    RispondiElimina
  47. Ciao Gustavo, seguo sempre i tuoi consigli per la mia punta d'ernia. Volevo chiederti se hai dei consigli per la pubalgia, non riesco a liberarmene, giocando a calcio e' dura sopportarla. Ho dolore soprattutto nel gesto del calciare.
    Ti ringrazio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao, scusa se mi intrometto, ma sei riuscita a chiuderla?

      Elimina
    2. Ciao Davide, per la pubalgia rimasta ti consiglio questa posizione. La dovresti mantenere per 1 minuto 3 veces por día.
      https://dl.dropboxusercontent.com/u/12453518/fantino.jpg

      Elimina
    3. grazie gustavo !

      mario nn so se l'ho chiusa perchè non ho fatto eco di controllo, so che ho meno dolori ora giocando. conta che avevo una grossa pubalgia in corso e piano piano ne sto venendo fuori. circa un anno di durata.

      Elimina
    4. Mario un consiglio. Quando fai Burning cerca di spingere con gli addominali verso l'interno e verso l'alto. Il movimento da fare è esattamente quello che fai quando ridi.

      Elimina
  48. Ciao Gustavo,mi chiamo Francesco e ho un'ernia inguinale dx vorrei iniziare il percorso da te illustrato anche se il medico dice che è da operare. Vorrei però un ulteriore consiglio sono un cuoco e quindi sto molte ore inpiedi senza spostarmi dal bancone o fornelli,cosa mi suggerisci ?

    RispondiElimina
  49. Ciao Gustavo,mi chiamo Francesco e ho un'ernia inguinale dx vorrei iniziare il percorso da te illustrato anche se il medico dice che è da operare. Vorrei però un ulteriore consiglio sono un cuoco e quindi sto molte ore inpiedi senza spostarmi dal bancone o fornelli,cosa mi suggerisci ?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Francesco. Se sei cuoco il modo di riuscire a stare sulle ponte è quello che cercare di muovere continuamente il peso del tuo corpo tra un piede a l'altro. Dal momento che stai in piedi tante ore ti consiglio gli esercizi Taichi durante 5 minuti ogni giorno.

      Tai
      https://www.youtube.com/watch?v=ZAy6MdXhmRw

      Elimina
  50. Ciao Gustavo
    ti seguo da un pò e ti apprezzo per la serietà e la dedizione, trovi anche il tempo di rispondermi privatamente
    e sei il solo di mia conoscenza che affronti il problema dell'ernia in maniera multidisciplinare: respirazione, postura, digestione e circolazione
    Coloro che come il sottoscritto non hanno le basi conoscitive tuttavia abbisognano di ulteriori suggerimenti
    Infatti fare male un esercizio può essere controproducente
    La mia domanda riguarda la respirazione burning: posto che non è consigliabile trattenere l'aria perché a quanto leggo favorirebbe la fuoruscita del viscere, mi risulta difficile fare la burning in assenza di un preciso protocollo
    quando muovo il mio stomaco per restituire forza alla muscolatura, come devo regolarmi con l'aria ? inspirarla o espirarla è per me ancora un arcano

    grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Saro
      Io in realtà non sto affrontando il problema ernia quanto il problema vita. La respirazione Burning non significa trattenere l'aria dentro. Concentrati su prendere poca aria e buttarla fuori utilizzando gli addominali. Solo quello devi fare.

      Ti consiglio di dare un'occhiata alle sequenze Tai e Scorpion che ho pubblicato nel mio canale di youtube.

      Sono molto importanti per chi ha il problema di gambe deboli.

      Gustavo

      Elimina
  51. Ciao,
    Da poco tempo mi è comparsa l'ernia inguinale, o voglio seguire i tuoi consigli. Non capisco una cosa, tutti i medici dicono di camminare con i talloni e non con la punta del piede... Come mai?

    RispondiElimina
  52. Ciso gustavo hai dei consigli da darmi per degli acufeni che mi si sono manifestati un mese fa circa...

    RispondiElimina
  53. Ciao gustavo sono Angelo e come tutti gli altri anche io ho iniziato a curiosare su internet per avere informazioni su ernie inguinali. Leggendo varie cose mi sono imbattuto nelle tue spiegazioni e commenti di tanti altri come me.
    Volevo chiederti se hai consigli in merito per me per evitare la chirurgia, da un po' ho iniziato a giocare a calcetto e accuso fastidio inguinale lato sx e testicolo che si ritrae all'interno con dolore inseguito di indolenzimento totale del testicolo stesso; oltre ad avere tutto l'addome basso indolenzito per diversi giorni. fatta eco si evidenziata un apunta di ernia sx solo su sforzo e tosse ma rientra regolarmente , ha una dimensione di 2-3 cm e mi e stato detto di toglierla per evitare fastidio.....
    Cosa posso fare per evitare la chirurgia e continuare a giocare a calcio?
    Consigliami saluti angelo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Angelo, questo non è il sito giusto per te. Devi andare a vedere "Ernia Training". Quello che hai tu è un principio di ernia e questo libro che vedi qui non ti serve a nulla. Devi fare soltanto gli allenamenti. Dovresti risolvere in 2 o 3 mesi. Non aspettare che l'ernia venga fuori perché se succede è più difficile poi farla rientrare (comunque sempre possibile) perché ci vuole più tempo.

      Elimina
  54. ciao sono alfonso e sono stato operato di ernia inguinale il 5 aprile scorso, oltre al fastidio dei punti che tirano sia quando mi siedo che quando mi alzo, ho un dolore tremendo alla natica sinistra che mi prende un po tutta la gamba come se fossi caduto sbattendo la natica per terra, mi chiedo sara un fastidio perché sto a letto o è un danno collaterale? cosa posso fare per rimediare a questo fastidioso dolore'

    RispondiElimina
  55. ciao sono alfonso e sono stato operato di ernia inguinale il 5 aprile scorso, oltre al fastidio dei punti che tirano sia quando mi siedo che quando mi alzo, ho un dolore tremendo alla natica sinistra che mi prende un po tutta la gamba come se fossi caduto sbattendo la natica per terra, mi chiedo sara un fastidio perché sto a letto o è un danno collaterale? cosa posso fare per rimediare a questo fastidioso dolore'

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi dispiace Alfonso, non ho idea di cosa ti succede. Dovresti andare a chiedere al chirurgo che ti ha operato cosa ha fatto e in quale situazione ti trovi.

      Elimina
  56. Ciao Gustavo;mi chiamo Giulia e penso di essere l' unica donna a scriverti :-) ...ho 34 anni e da un mese ho scoperto di avere una punta di ernia inguinale " adiposa" sinistra. Inizialmente avevo scambiato i fastidi e dolori per un problema ginecologico; ma poi con una eco addome e visita chirurgica si è rivelata un ernia. Il chirurgo mi ha sconsigliato per ora l' operazione dicendomi "fai la tua vita tranquilla". Ma tanto tranquilla non sono...dato che il fastidio spesso si presenta anche facendo un movimento sbagliato. Vorrei chiederti se gli esercizi di respirazione e la camminata elegante valgono anche per me. Sono molto preoccupata dato che sto pensando ad una gravidanza e con l' aumento della pancia non saprei proprio che conseguenze potrei avere. Grazie se vorrai darmi qualche consiglio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io credo che questo libro non ti serve a niente. Quello che devi fare è quello che trovi in quest'altro libro. Devi cambiare modo di camminare e fare gli esercizi di iperventilazione. Dovresti risolvere in 3 mesi. Ma devi cominciare immediatamente, prima che da punta di ernia diventa ernia. Puoi sempre rimediare con questo ma più è fuori l'ernia e più lungo si fa il percorso per chiuderla. Questo è il sito e il libro.
      http://erniatraining.blogspot.it/

      Elimina
  57. Caro Gustavo, scrivo solo per salutarti e confermarti che dopo oltre tre anni la mia ernia inguinale, che mi aveva tormentato per un lungo periodo di tempo, non ha dato più segni di vita, sinceramente me ne sono completamente dimenticato! Non ho avuto più bisogno delle famose fasce! Continuo a fare regolarmente alcuni esercizi addominali e cerco di camminare spesso in punta di piedi facendo anche alcuni esercizi rimanendo sulle punte perché ne ho tratto giovamento per la schiena e soprattutto per le ginocchia!
    Un forte abbraccio da Cesare di Rieti

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono contento Cesare, grazie per essere venuto a lasciare la tua testimonianza.

      Elimina
  58. Ciao Gustavo, è da un pò che ti seguo, volevo chiederti se sai se il tuo metodo funziona indistintamente sia per ernie inguinali dirette, sia per ernie indirette (le cosiddette "oblique" in cui l'intestino fuoriesce dall'anello inguinale). Volevo dirti che da quando pratico il Burning e sono attento a poggiare i piedi a terra ho provato molteplici giovamenti, tra cui la schiena, le ginocchia, l'andare di corpo regolarmente e il ridurre la circonferenza addominale . Il problema è che pur provando giovamento momentaneo all'ernia (obliqua/indiretta), questa dopo un certo periodo di tempo, si fa risentire...specie se capita di mangiare molto o di caricare la spalla con la borsa di lavoro per periodi prolungati!...Scusa se ti scoccio. Fermo restando che continuerò a seguire il tuo metodo, che in ogni caso mi ha portato diversi giovamenti, volevo chiederti se è il caso di persistere su questa strada oppure rassegnarmi all'operazione.
    Inoltre, sempre se ritieni che sia opportuno, di abbinare ala ginnastica un sistema di contenimento efficace per il mio tipo di ernia.
    Grazie comunque per l'attenzione,
    Jacopo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dal mio punto di vista le ernie si risolvono tutte nello stesso modo. Devi esagerare con il burning e perfezionare il passo elegante abbinandolo alle sequenze Tai per rinforzare le gambe. Se fai la chirurgia ti ritroverai con un problema peggiore tra qualche mese o anno. Il problema non lo risolvi, caso mia puoi peggiorarlo.

      Gustavo

      Elimina
    2. Ok, ti aggiornerò sugli sviluppi (soprattutto se positivi!). Grazie per tutti i consigli e per la tempestività delle tue
      risposte!

      Elimina
    3. Non puoi avere risultati negativi con questi esercizi, gli esercizi che creano risultati negativi sono stati eliminati durante questi tre anni di ricerca insieme al milione di persone che hanno letto i miei siti e a 8 milioni di persone che hanno visto i miei video.

      Un abbraccio, buon proseguimento.

      Gustavo

      Elimina
  59. Per esperienza personale posso congetturare che camminare senza appoggiare i talloni è dannoso per le ginocchia, perché soggette a un carico molto superiore. Io ho sempre camminato solo sulle punte e ho iniziato ad avvertire problemi alle ginocchia dopo i 30 anni, quindi il danno non è immediato, però l'impressione è che si vada incontro a un invecchiamento precoce dei menischi. Comunque non ho problemi di ernie.
    Non posso dire se la congettura abbia fondamento, bisognerebbe considerare molti altri casi oltre alla mia esperienza personale. Hai forse avvertito problemi alle ginocchia da quando ti sei messo a camminare senza appoggiare i talloni?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Camminando sulle punte il peso non aumenta, tende a diminuire perché i gemelli funzionano come un regolatore automatico del peso, questa la prima cazzata, il carico è inferiore non superiore. Se osservi le ballerine, problemi di ginocchia non hanno.

      I menischi ed i legamenti del ginocchio in diversi casi di danneggiamento a causa di camminare appoggiando i talloni hanno riscontrato dopo aver smesso di appoggiarli la sistemazione di microrotture che si rimettono a posto. Questa dei menischi è altra cazzata.
      Sono quattro anni e ci sono oltre 10 milioni di persone che sono passate nel mio canale di youtube e nei misi siti. Nessuna di queste ha accusato alcun problema a nessuna parte del corpo.
      Gli unici commenti negativi sono le congetture dei medici e altri operatori del settore che cercano di seminare il panico tra le persone per interessi personali. Ma nessuno di questi figli di puttana è stato mai in grado di trovare un solo danno concreto. Solo congetture e bugie, come quella con cui inizi il messaggio dicendo che hai camminato sempre sulle punte quando non hai idea di ciò che significa farlo.

      Gustavo

      Elimina
    2. scusa, ma ti sembra il modo di rispondere? comunque con il tempo si vedrà se camminare sulle punte danneggia o no i menischi. Il peso in effetti non cambia, è sempre lo stesso, quello che cambia è la pressione in alcuni punti dell'articolazione del ginocchio. In particolare camminando sulle punte aumenta la pressione nella zona frontale. Riguardo al fatto che io non abbia idea di cosa significhi camminare sulle punte, non vedo come tu possa sostenerlo.
      Peccato che tu ti sia posto così male, io ero intervenuto con intento conoscitivo, ma è stato del tutto vanificato dal tuo approccio aggressivo. Peccato, occasione persa.

      Elimina
    3. Occasione persa per chi? Credi che io abbia bisogno dei tuoi dubbi? Il tempo ha già rimesso a posto centinaia di ginocchia, anche gente che aveva seri problemi di ginocchio valgo. Te lo posso garantire, tu non hai idea di ciò che significa camminare sulle punte. Dalle cazzate che dici l'hai provato si e no 10 minuti.
      Questo è un sito che parla di ernia e tu l'ernia non ce l'hai quindi quello che sei venuto a fare qui è più che ovvio. Non funziona i consigli puoi tenerteli per i tuoi pazienti.

      Gustavo

      Elimina
  60. Buon pomeriggio Gustavo, trovare il tuo blog è stato un miraggio..se puoi mi farebbe piacere conoscere la tua opinione sulla seguente situazione personale: ho 50 anni e sono stato operato di ernia inguinale prima a dx e poi a sx più di 10 anni fa. un mese fa ho avvertito fastidio nella parte anteriore dell' anca ed un leggero rigonfiamento nella parte bassa dx dell' addome, ho fatto ecografia e la diagnosi " si apprezza espanso erniario senza contenuto gassoso e quindi verosimilmente privo di contenuto intestinale dell' estensione di 18 mm con orifizio di 3 mm. l' ernia è totalmente riducibile alla pressione della sonda "
    Il chirurgo che mi ha operato in passato mi ha consigliato intervento mentre il mio medico curante mi ha detto di continuare a fare attività sportiva e rinforzare l' addome con degli esercizi soft. Quando sono in piedi si vede un leggero rigonfiamento sulla fascia muscolare, faccio nuoto 3/4 volte a settimana e sto spesso in macchina per via del mio lavoro di rappresentante. Vorrei chiederti: nuotare a stile libero può peggiorare la situazione? Camminare su le punte e le altre tecniche che consigli potrebbero far richiudere l' orifizio di 3 mm? Insomma, quale potrebbe essere il percorso più adatto a me?
    Grazie, Domenico

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dal mio punto di vista dovresti ringraziare il tuo medico. Inizia per non dire in giro quello che ti ha consigliato perché lui rischia il posto.

      Fare nuoto va bene, non danneggia. Quello che devi cambiare è il modo di camminare e fare anche gli esercizi di respirazione. Questo libro non va bene per te, quello che devi prendere è Ernia training perché la dimensione della tua ernia è contenuta e non ti occorrono le fasce ma solo gli allenamenti.
      Il fatto di fare piscina è benefico perché mantiene i muscoli allenati.

      Gustavo

      Elimina
    2. Ciao Gustavo, grazie della rapida risposta. Vorrei prendere il libro che mi consigli, saresti così gentile da indicarmi la procedura per averlo.
      Sono tre giorni che oltre a camminare sulle punte, al mattino faccio 4 serie da 20 di standing elbow crunch, 4 serie da 20 di flessioni sulle punte, sto sospeso per 5 minuti sulle 2 sedie ( il tuo video ) e per ultimo eseguo l' esercizio di respirazione guardando il tuo video " chiudere l' ernia per 2,50 minuti ( la durata del video ).
      Oltre a quanto sopra indicato faccio 4 serie da 50 di soft crunch ( coccige a terra gambe a 90 gradi su una sedia sollevando leggermente il busto e tornando a terra ) e 4 serie da 50 con il coccige e testa a terra, gambe in alto a circa 150 gradi ( e da questa posizione arrivo a toccare quasi terra e risalgo per il numero di serie e ripetizioni che ho indicato ). Ti ho descritto tutto ciò perché in soli tre giorni noto minore pressione sulla piccola protuberanza presente sul mio addome quando sono in piedi nonostante il fastidio è ancora presente.
      Da lunedì riprendo il nuoto per 3/4 volte a settimana e se sei d' accordo, vorrei fare tutti i giorni prima di uscire di casa il circuito che ti ho descritto sopra a costo di mettermi la sveglia un' ora prima..e continuare a camminare sulle punte, credo che prima o poi diventerà naturale..spero.
      Se non sono troppo sfacciato vorrei chiederti ancora 2 cose: la prima riguarda il riposo, di solito dormo a pancia i giù o sul fianco,dovrei dormire a pancia in sù?
      Fino a qualche mese fa fumavo tanto ora sto intorno alle 5/7 sigarette al giorno, ma ogni tanto tossisco ed automaticamente metto la mano sulla piccola ernia per paura che possa uscire di più..meglio eliminare anche le 5 sigarette vero?
      Scusami per le domande stupide ma sono assetato di sapere. Sono disposto a tutto per evitare un altro intervento chirurgico, anche di camminare sulle punta delle dita dei piedi :-)
      E' veramente ammirevole ed altruista, che condividi con gli altri un percorso che ti sei creato da solo per evitare la chirurgia.
      Ciao
      Domenico


      Elimina
  61. Buongiorno Gustavo, ho problemi di ernia inguinale lato destro più o meno 1 cm. riscontrata 7 anni fa con dei fastidi poi passati ora riacutizzati causa stipsi. Sto eseguendo gli esercizi del tuo video, volevo chiederti se l'esercizio planking aiuta in quanto nella sospensione sospesa ho qualche difficoltà nella discesa, altra difficoltà la trovo nella camminata elegante che riesco a farla bene a casa a piedi nudi ma ho difficoltà con le calzature, nelle scarpe da running che uso per camminata veloce ho inserito una protezione tallone TULI'S pensi sia utile? ed inserirla anche nelle altre scarpe?
    Restando in attesa di una tua gradita risposta saluto.
    Silvano.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io come scarpe utilizzo quelle che si vendono per il KungFu o Taichi. Le trovi sono online nei negozi Decathlon, compri a 9 euro e ritiri direttamente nel negozio più vicino a casa tua.

      La Stipsi la risolvi con passo elegante e Burning. Dal mio punto di vista questo non è il sito giusto per la tua ernia, dovresti guardare ernia training, da quello che dici il tuo corpo è molto allenato. Non ti servono le fasce.

      Elimina
    2. Io Gustavo sto facendo gli esercizi del tuo video "allenamento intensivo" non ho preso in considerazione le fasce, ho visto il sito Ernia Training e qui trovo video "rinforzo gambe" e "skorpions" quindi ti chiedo oltre al Burning per stipsi quali esercizi dei tuoi video devo effettuare? Rispetto alle scarpe ho visto quelle che tu consigli ma io faccio la mia camminata veloce di 60 minuti in un boschetto impervio, ecco perchè uso scarpe da running con protezione tallone. In attesa dei tuoi consigli ti saluto e ringrazio per il tempo che mi dedichi.
      Silvano

      Elimina
    3. Passo elegante, Burning, Tai. Tutto qui, E' questione di tempo, risolvi stitichezza, ernia e anche lombalgia.

      Elimina
  62. Ciao Gustavo, ho girato per librerie e non ho trovato il libro che mi hai consigliato. su internet non sono una cima anzi direi che non ci capisco nulla..puoi consigliarmi come posso acquistare ernia training?
    grazie
    Domenico

    RispondiElimina
  63. Ciao Domenico. Ernia training si trova in tutte le librerie online e anche in questo blog.
    http://erniatraining.blogspot.it/

    RispondiElimina
    Risposte
    1. buon pomeriggio Gustavo, ho appena concluso l' operazione di acquisto del libro consigliato. Mi arriverà per posta elettronica?
      Quando puoi rispondi al mio messaggio precedente? ti lascio anche la mia mail: domenico.cutispoto@gmail.com
      grazie
      domenico

      Elimina
    2. Ti ho già mandato tutto, non pubblicare il tuo indirizzo sulla rete che ti si riempie di spam.

      Elimina
  64. si grazie ho ricevuto tutto comprese risposte..e consigli preziosi.

    RispondiElimina
  65. Ciao gustavo,sono sempre Giulia (l'unica donna a scriverti in questo blog tutto maschile :-).
    Volevo dirti che da qualche tempo seguo i tuoi consigli: camminata elegante,burnig e pan che, associati a degli esercizi addominali ipo-pressivi mirati al rinforzo del muscolo trasverso/diaframma pelvico, mi stanno dando notevoli e positivi risultati.
    I dolori si sono di molto ridotti e sto facendo una vita normale (anche trekking in montagna).
    I fastidi si fanno vivi solo quando sono gonfia di intestino o faccio dei piegamenti che schiacciano l'inguine.
    Io vorrei porti una specifica domanda: dato la tua esperienza, un'ernia (che comunque prevede la lacerazione di un tessuto o del muscolo addominale) si puo' chiudere definitivamente? cioè tu hai avuto riscontri clinici che la tua ernia si e' chiusa del tutto???
    Te lo chiedo perchè un secondo chirurgo che mi ha visitata (e che ha riscontrato una piccola ernia crurale per la precisione anzichè ernia inguinale adiposa) mi ha consigliato l'operazione mettendomi già in lista, dicendomi che l'ernia non si puo' chiudere da sola e che una possibile gravidanza (che sto progettando) puo' andare a complicare la situazione aggravandola (peso e schiacciamento della pancia).
    Puoi darmi dei consigli per favore? Ho bisogno di rassicurazioni e consigli perchè sono preoccupata! grazie in anticipo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L'ernia inguinale non prevede nessuna lacerazione di nessun tessuto. Si tratta di un indebolimento della parete addominale. La mia e quella di altre migliaia d persone si sono chiuse. Io in particolare ho chiuso due. Tutti i chirurghi di questo mondo consigliano la chirurgia come unica soluzione. Io ho chiuso le mie con queste e credo in queste. Prima di operarti da un'occhiatina alla gente rovinata da quei meraviglioso intervento. Cerca Ernia recidiva e un'idea chiara te la fai da sola.
      Cerca danni con il Passo elegante e ti fai anche lì una idea.

      Questo metodo non crea problemi, la preoccupazione devi metterla in pratica quanto di metti in mani ai chirurghi. Ogni danno che loro creano viene premiato perché crea fatturato.

      Gustavo

      Elimina
  66. ciao gustavo, hai per caso letto il mio commento del 29/6? cosa ne pensi?? grazie!

    RispondiElimina
  67. Ciao Gustavo,grazie per la tua risposta.
    Mi consola sapere che tu e altre persone siate riusciti a chiudere l’ernia. Spero di riuscirci anche io, persevererò su questa strada…ma ho ancora diversi disturbi soprattutto quando ho l’intestino gonfio...sento piccotti e tensione ovunque.
    Inoltre come ti dicevo: un chirurgo dice che ho l’ernia inguinale, mentre un altro mi ha detto che ho un ernia crurale. E non so’ proprio che differenza ci sia e soprattutto se una è piu’ o meno pericolosa dell’altra e che pericolo ci sia di "strozzamento".
    I due chirurghi che mi hanno visitato mi hanno entrambi chiuso la bocca dicendo “l’ernia è una lacerazione del muscolo addominale o del tessuto che contiene l’intestino, pertanto è impossibile una riparazione spontanea”…e quindi un chirurgo consiglia l’intervento anche in vista di una gravidanza. Mi dicono che con il peso dell’utero gravidico la situazione potrebbe degenerare... perché tutta la pressione va’ a sfogarsi sull’addome.
    Non so proprio che cosa pensare, qualunque strada decido di prendere, il pensiero mi preoccupa comunque…

    Grazie Gustavo.

    giulia

    RispondiElimina
  68. Gustavo un' ultima cosa che ho dimenticato di chiederti nella mail di ieri: nel mio caso specifico di " ernia crurale o femorale" valgono gli stessi esercizi e raccomandazioni per l' ernia inguinale? O devo preferire alcuni esercizi e tralasciarne di altri? Vorrei comprare il tuo libro " ernia training" e vorrei essere sicura degli esercizi x il mio caso specifico. Grazie in anticipo e scusa di nuovo per il disturbo. Giulia

    RispondiElimina
  69. Gustavo un' ultima cosa che ho dimenticato di chiederti nella mail di ieri: nel mio caso specifico di " ernia crurale o femorale" valgono gli stessi esercizi e raccomandazioni per l' ernia inguinale? O devo preferire alcuni esercizi e tralasciarne di altri? Vorrei comprare il tuo libro " ernia training" e vorrei essere sicura degli esercizi x il mio caso specifico. Grazie in anticipo e scusa di nuovo per il disturbo. Giulia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Giuli
      Riguardo ciò che dicono i medici non proferisco parola. Il mondo è pieno di persone che si operano e non risolvono il problema. Ci sono medici specializzati in operare per seconda, terza e quarta volta l'ernia.

      Per provare questa strada, è sufficiente che tu cambi forma di camminare, faccia gli esercizi Burning 10 minuti al giorno e Frog 5 minuti al giorno. E' completamente gratuito, in 30 giorni vedi arrivare i risultati, non esiste la possibilità di creare danni o di andare in panico. Che cosa ti trattiene dal farlo?

      Gustavo

      Elimina
    2. Credo che ernia training sia quello più adatto alle tue necessità, anche se quando lo compri dentro i miei siti io faccio in modo che ti arrivino entrambi i libri in più di quello che devi scegliere con la promozione in regalo in corso in questi giorni.

      Elimina
  70. Ciao gustavo,
    Mesi fa già mi hai dato consigli sulla corsa. Soffro di pubalgia da 1 anno e mezzo, e mi han detto tramite ecografia di avere una punta d'ernia. Volevo chiederti se sapevo cosa posso fare per eliminare questo dolore di pubalgia che non mi permette neanche di calciare ( gioco a calcio) . Mi e" stato detto che la punta d'ernia non può fare così male e il dolore e' solo ed esclusivamente dovuto alla pubalgia. Hai dei consigli per questo?
    Ti ringrazio come sempre.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La pubalgia è quello che precede l'ernia. Quello che devi fare è il passo elegante, Frog e Burning. Se riesce a farlo prima che venga fuori l'ernia risolvi tutto nel migliore dei modi. Dovresti risolvere il dolore in 60 giorni facendo l'allenamento che propone il libro "ernia training". A te le fasce non servono affatto.

      Elimina
    2. E' normale che mi giri la testa dopo che faccio del burning? o sbaglio qualcosa nel farlo ?

      Elimina
    3. E' normale perché stai facendo entrare troppa aria nei polmoni, fa entrare meno aria, al massimo mezzo litro. Riempi il minimo e poi svuoti. Si devono allenare gli addominali ma non velocizzare i polmoni.

      Elimina
    4. L'esecuzione giusta quindi è spingere gli addominali verso il dentro giusto? Non verso il fuori gonfiando la pancia . Ma verso dentro , svuotando il naso . Giusto ?

      Elimina
    5. Si, esatto. Usi gli addominali per svuotare i polmoni. Se ci fai caso facendo questo 10 minuti al giorno scompare completamente ogni forma di raffreddore.

      Elimina
  71. Ernia chiusa Gustavo, che soddisfazione enorme. Alla fine mi tocca ringraziare l'ernia perché ho perso 15 chili ed ho cambiato tutto il mio corpo.
    Quello che mi sorprende di più in assoluto è la potenza del Burning. Volevo invece farti una domanda, per le ernie addominali, che esercizi devo consigliare ad un amico?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per le addominali le fasce non si riescono a mettere. Deve fare Burning e passo elegante.
      Può provare anche Frog ma con cautela, io aspetterei a vedere i primi risultati con Burning, dovrebbero arrivare in 20 giorni.

      Elimina
  72. Salve, Gustavo, mi chiamo Cecilia, e in seguito ad un principio di ernia inguinale sinistra mi sono messa a cercare soluzioni alternative a questo problema perchè sono ferocemente contraria a mettermi nelle mani dei "macellai" che adorano il taglia e cuci, ho trovato te e i tuoi libri, ne ho comprato uno e l'ho messo in pratica e...ovviamente ho risolto tutti i miei problemi! non è tanto che faccio il passo elegante, ma mi ha portato subito giovamento e pochi disturbi, ma mi rimane un dubbietto...con le scarpe col tacco come la mettiamo? Se me le metto i gemelli stanno su, ma il tallone riceve comunque un colpo dal terreno e non sta in sospensione. E se non posso fare a meno di indossarle? (ogni tanto per lavoro, mi càpita).
    Grazie di tutto
    Cecilia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Buongiorno cecilia
      Il discorso dei tacchi non è un problema. Anche se appoggi i talloni l'urto non è mai quello che si fa con una scarpa normale.

      Tu cerca di appoggiare sempre prima la punta e solo dopo il tallone come fanno le modelle.

      In ogni caso non fanno male.

      Gustavo

      Elimina
  73. Grande Gustavo... I chirurghi sono dei bei fetentoni che vogliono sempre operare. Li ho gabbati giá una volta quando mi sono preso un fungo nel glande/prepuzio. Era difficile da curare perché trattandosi di una zona umida le creme non funzionano. L'urologo era giá pronto a circoncidermi ma con una semplice soluzione casereccia sono guarito in una decina di gioni e ho salvato il prepuzio... Si puó vivere senza prepuzio, chiaro, ma se posso evitare che il bisturi sono piú contento. Adesso mi ritrovo con un erna inguinale, soffro di colon irritabile e la sensazione che fuoriescono le budella é veramente fastidiosa. Ho appena provato il guercio e devo giá ringraziarti. Sento che tutto resta a suo posto. Adesso mi informo bene per gil esercizi. Un saluto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Fondamentalmente gli allenamenti sono tre: il passo elegante (va fatto sempre); Burning (10 minuti ogni giorno); Frog (10 minuti ogni giorno).

      Di tutto il resto si può fare a meno. Le fasce servono solo se l'ernia è più di 5 cm di diametro.
      Dal mio punto di vista il sito migliore per te è questo: http://erniatraining.blogspot.it/

      Elimina